Perugia in festa, sono tornati i Baracconi: le regole

Perugia in festa, sono tornati i Baracconi: le regole

Redazione

Perugia in festa, sono tornati i Baracconi: le regole

Sab, 09/10/2021 - 16:12

Condividi su:


Green pass e mascherina obbligatoria, niente musica e giostre sanificate: così il divertimento al luna park al tempo del Covid

Perugia in festa per il ritorno de Baracconi, lo storico luna park per la Fiera dei Morti. Il divertimento torna dopo lo stop, lo scorso anno, a causa del Covid.

Le regole: Green pass e mascherina

Il Green pass obbligatorio chiesto all’ingresso (che certifica l’avvenuta vaccinazione, un tampone effettuato di recente o la guarigione dal Covid) e la mascherina che deve essere indossata anche sui giochi testimoniano che non siamo ancora fuori dall’emergenza. Ma si tratta di un importante passo, verso la normalità. E allora, dopo tante privazioni e dolore, spazio al divertimento.

Ovviamente per i bambini al di sotto dei 12 anni non serve il Green pass. Non c’è la musica, per evitare assembramenti. E un sistema di diffusione sonora ricorda ai presenti le principali norme di comportamento da osservare. I vigili urbani verificano il rispetto anche delle norme anti Covid.

Tutte le giostre dopo l’utilizzo verranno debitamente sanificate. Il responsabile per la sicurezza del luna park, Fausto Lemmi, ha sottolineato che i totem collocati ai varchi principali, oltre alla mappa delle attrazioni, riportano le norme a cui attenersi, richiamate anche attraverso la diffusione sonora. “All’ingresso di ogni giostra sono allestite postazioni con disinfettante, dopo ogni giro si provvederà alla pulizia e a fine giornata a una vera e propria sanificazione”, ha anche specificato.

Date e orari

Gli orari di apertura: tutti i giorni dalle 15 alle 24; nei festivi anche la mattina dalle 10 alle 13 circa. Le giostre rimarranno a Perugia fino al 7 novembre salvo eventuale proroga, su provvedimento del Comune, fino al 14 novembre.

(foto gallery Giancarlo Belfiore)

L’inaugurazione

A inaugurare i Baracconi” è stato Vincenzo La Scala, presidente della commissione interna insieme agli altri componenti dell’organismo e con la partecipazione dell’amministrazione comunale, rappresentata dall’assessore all’urbanistica Margherita Scoccia e da esponenti della polizia locale.

“Ci siamo lasciati alle spalle un periodo tutto da dimenticare, un anno e mezzo di difficoltà legate all’emergenza Covid. E’ con gioia, quindi, che torniamo qui e lo dimostra lo slogan di questa edizione: riparte la vita, torna l’allegria”, ha detto La Scala. L’amministrazione comunale ha sottolineato che il luna park non è solo un parco divertimenti, ma soprattutto una tradizione cittadina attesa da tutti, un momento identitario che consente di ritrovarsi e di segnare un momento di ripartenza. Presente anche la banda musicale di Magione e il parroco di Ferro di Cavallo, don Francesco Medori, per la consueta preghiera per i lavoratori e per tutti coloro che approdano al luna park in cerca di divertimento.

(servizio di Tommaso Benedetti)

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!