Perugia cresce: superata la soglia di 169mila residenti - Tuttoggi

Perugia cresce: superata la soglia di 169mila residenti

Redazione

Perugia cresce: superata la soglia di 169mila residenti

Mer, 14/09/2011 - 15:33

Condividi su:


Il 31 maggio scorso Perugia ha superato la soglia di 169mila residenti. Questo è il primo dei dati resi noti dall’ assessore ai servizi demografici, Monia Ferranti, che ha fatto il punto sulle trasformazioni della città. “Un traguardo significativo – ha detto la Ferranti – che dimostra che il capoluogo continua a crescere, e ad essere attrattivo anche perché in grado, nonostante tutto, di fornire servizi essenziali ai cittadini. Il saldo positivo è dovuto infatti all’ arrivo di nuovi residenti che scelgono Perugia per viverci. Significa che l’ immagine diffusa della città è quella di un ambiente urbano accogliente e di una città che funziona. Prendendo le statistiche con la necessaria prudenza, Perugia si conferma come una delle dieci città in cui la gente vorrebbe venire a vivere. Deve farci riflettere il fatto che più di un bambino su tre nati è figlio di genitori stranieri e che il 7% delle imprese è stato creato da stranieri. Una realtà che cambia velocemente, dunque, e fenomeni da interpretare e gestire”. Negli ultimi cinque anni la popolazione è cresciuta di 6.233 persone, il che significa una media di circa 1.250 persone all'anno. Nel 2010, in particolare, l'aumento è stato di 1.502 abitanti, ovvero più 0,9% rispetto al 2009. Il saldo positivo è dovuto quasi esclusivamente al movimento migratorio (aumento di 1.586 unità) rispetto a quello naturale (saldo negativo di 84 unità).

NASCITE E MORTI Dai dati risulta che il saldo demografico nati/morti subisce variazioni minime da cinque anni. Ha fatto eccezione la torrida estate del 2003 quando il numero di decessi fu molto più alto del normale. Il confronto 2009-2010 rivela che le nascite sono praticamente invariate e le morti cresciute dell'8,3 per cento”.

I PARTI E I NOMI DEI BAMBINI Una mamma perugina su cinque va a partorire fuori città: sono 356, il 22,4 per cento del totale, le madri residenti a Perugia che hanno partorito fuori dal comune. Tra i nomi maschili più gettonati nel biennio 2009 – 2010 al primo posto Matteo (primo in assoluto, anche rispetto a quelli femminili) che passa dalle 21 preferenze del 2009 alle 41 del 2010, mentre Alessandro e Lorenzo (primo e secondo nel 2009) scivolano di un posto, rispettivamente al secondo e al terzo. Quanto ai nomi femminili si rovesciano le posizioni di Sofia e Giulia: se nel 2009, infatti, Giulia era il primo nome femminile (24 bambine) contro le 21 di Sofia, nel 2010 quest'ultima è il primo nome (31 preferenze) e Giulia il secondo (23). Balza in avanti Chiara che dalle 9 preferenze del 2009 passa alle 21 del 2010 e si piazza al terzo posto tra le femmine.

I BAMBINI STRANIERI Sono 422 i bambini nati a Perugia da genitori stranieri (il 35 % del totale). Per nazionalità, primi i neonati rumeni (72 – 17% del totale), poi gli albanesi (.46 – 11% del totale) ed ecuadoriani (.44 – 10% del totale). Non molto inferiore il numero dei bambini marocchini ( 38 – 9% del totale)”.

ANAGRAFE Nel capoluogo si conferma un'alta presenza di popolazione anziana: al 31 maggio 2011, il 21% dei residenti perugini (36.561) aveva compiuto più di 66 anni: uno su cinque, quindi. .E’ cresciuto, tra il 2006 e il 2010, il numero degli ultracentenari: se cinque anni fa erano 33, alla fine del 2010 erano 52, con un aumento del 57% (44 donne e 8 uomini). Due signore hanno ben 106 anni, mentre gli uomini più longevi “si fermano” a 101. Cresciuto anche il numero complessivo delle famiglie: 72.248 (1.203 in più rispetto al 2009).

POPOLAZIONE STRANIERA L’ anno scorso a Perugia, sono arrivati 1. 675 stranieri (più 8,15% rispetto al 2009) . Quella rumena resta la comunità più numerosa (3.494 persone). Seguono gli albanesi (2.764), gli ecuadoriani (2.264) ed i marocchini (1.715). Complessivamente gli stranieri residenti nel capoluogo sono 22.227 di cui 16.784 extracomunitari. L'incremento più importante (considerando solo le comunità di almeno 600 persone) è stato quello dei cinesi (+ 36,27%), poi i moldavi (+ 20%) e gli ucraini (15,5%). Molto alto il numero dei ricongiungimenti familiari, visto che il maggior numero di coloro che arrivano nel capoluogo sono anziani. Dal punto di vista della loro dislocazione preferenziale in città, i rumeni si trovano sopratutto tra il centro storico e l'area di Madonna Alta- Ferro di Cavallo; gli albanesi si sono stabiliti sopratutto tra Ponte Felcino e Ponte San Giovanni, gli ecuadoriani e i peruviani nella zone della Pallotta; la comunità marocchina vive sopratutto a Ponte Felcino. Le imprese straniere sono il 7,3% del totale, ed i settori con più alta presenza di immigrati sono l’edilizia, il commercio, la ristorazione ed i servizi.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!