Perugia, al via la II^ edizione del “Summer media camp” della Conferenza Episcopale Umbra - Tuttoggi

Perugia, al via la II^ edizione del “Summer media camp” della Conferenza Episcopale Umbra

Redazione

Perugia, al via la II^ edizione del “Summer media camp” della Conferenza Episcopale Umbra

Iniziativa dedicata ai giovani dai 18 ai 30 anni appassionati di comunicazione, per come usare i social network in modo intelligente e professionale
Gio, 19/07/2018 - 09:39

Condividi su:


«Usare i social network in modo intelligente e professionale per una comunicazione efficace non è affatto così naturale come sembra: occorrono tecniche, stratagemmi, a volte anche piccoli investimenti». È quanto si prefigge di fare il “Summer media camp 2018” promosso dalla Conferenza episcopale umbra (Ceu) con le redazioni di Umbria Radio e La Voce, rivolto a giovani tra i 18 e i 30 anni appassionati di comunicazione. Giunto alla sua seconda edizione, il “Summer media camp 2018” è in programma dal 24 al 27 luglio, a Perugia, con location presso la “Sala S. Francesco” del palazzo arcivescovile e l’Ostello – Centro internazionale accoglienza (dove soggiorneranno i giovani partecipanti alle quattro giornate di formazione). Alla prima edizione, tenutasi lo scorso anno, intervennero anche il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, e don Ivan Maffeis, direttore dell’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali e sottosegretario della Cei.

Il “Summer media camp 2018” vuole approfondire la possibilità offerta dai social di diffondere notizie e costruire comunità, avvalendosi dell’esperienza di esperti e professionisti di fama nazionale nel campo del social media marketing, con laboratori full immersion, condivisione di esperienze e visite guidate nel mondo della comunicazione.

Gli interessati possono ancora iscriversi e conoscere nei dettagli il programma dell’iniziativa (CLICCA QUI)

Gli interventi più didattici, annunciano i promotori, saranno aperti anche ai giornalisti, ai quali verranno riconosciuti dei crediti formativi da parte dell’Ordine dei Giornalisti (OdG) dell’Umbria con iscrizione attraverso la piattaforma Sigef.

Quattro i corsi organizzati in collaborazione con l’OdG umbro, in calendario martedì 24 luglio, dalle ore 15 alle 18, mercoledì 25 luglio, dalle ore 9 alle 12 e dalle ore 15 alle 18, e giovedì 26 luglio, dalle ore 9 alle 12, presso la “Sala S. Francesco” dell’Arcivescovado di Perugia, che tratteranno i seguenti temi: “Comunicare: News nel sistema ibrido dei media.

La comunicazione della Chiesa al tempo dei social media”, con relatori Rita Marchetti, docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università degli Studi di Perugia, e don Walter Insero, collaboratore dell’Ufficio Cei per le comunicazioni sociali; “Le community: risorsa per un’informazione affidabile.

L’informazione al tempo delle community social-buone pratiche sul tema”, con relatori Bruno Mastroianni, giornalista, docente di comunicazione politica e globalizzazione e reti social media presso l’Università telematica internazionale UniNettuno, e Daniele Morini, giornalista; “Le nuove vie dell’informazione: quale social network per quale obiettivo?”, con relatori Francesca Triani, digital project manager e social media consultant presso Seed Srl, e Andrea Canton, giornalista, membro dell’associazione  Weca (Web master cattolici); “Make it viral: strategie per aumentare la circolazione delle notizie. Web marketing & Social media marketing. Formazione, teoria e laboratori”, con Lucia Rosati, instructional designer e formazione, presidente delegazione regionale AIF Umbria, Barbara Serafini, della Green Click Media, e Daniele Morini, giornalista, che terrà, venerdì 27 luglio (ore 9-12), le “Esercitazioni di sintesi del percorso fatto” nella quattro-giorni del “Summer media Camp”.

L’apertura e le conclusioni dei lavori di questa seconda edizione saranno affidate a mons. Paolo Giulietti, vescovo ausiliare di Perugia-Città della Pieve e delegato della Ceu per le comunicazioni sociali. «Il “Summer Media Camp 2018” – commenta mons. Giulietti – mette a fuoco una dimensione innovativa, ma non alternativa, della comunicazione: ci aspettiamo infatti dalla crescita delle competenze sui social media una nuova vitalità anche per i media più tradizionali, che se ne possono avvalere per suscitare nuovo interesse. I social, inoltre, sono il naturale campo di azione dei giovani, per cui un giornalismo che desideri avvalersene potrà renderli protagonisti nel comunicare la realtà secondo il proprio punto di vista».

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!