Panetto&Petrelli, per il duca Varano è l’ora della verità / Sindacato plaude al sindaco Spoleto Benedetti - Tuttoggi

Panetto&Petrelli, per il duca Varano è l’ora della verità / Sindacato plaude al sindaco Spoleto Benedetti

Redazione

Panetto&Petrelli, per il duca Varano è l’ora della verità / Sindacato plaude al sindaco Spoleto Benedetti

Mar, 16/07/2013 - 23:55

Condividi su:


Carlo Ceraso
Ancora 136 ore poi i ‘giochi’ saranno chiari a tutti. Tanto è stato concesso dalla proprietà della Nuova panetto & Petrelli, la storica azienda tipografica da tempo in acque a dir poco agitate, al duca Rodolfo Varano di Camerino (nella foto) interessato all’acquisto tramite la Nit Italia S.r.l. cui ha messo a capo Bruno Toma, figlio dell’attuale moglie di Varano, la duchessa Giuseppina. Titoli nobiliari a parte (sono i soldi a fare la differenza e Varano giura di averne a disposizione ben 150milioni di euro), questa mattina le parti si sono incontrate intorno al tavolo che il sindaco Daniele Benedetti aveva convocato d’urgenza accogliendo così la preoccupazione delle sigle sindacali preoccupate per lo ‘stop’ che Varano aveva imposto alla trattativa dopo che aver incassato dalla proprietà l’accordo sul prezzo (450mila euro) e la firma del Preliminare senza però restituirlo.
Assente Toma, che ha delegato la madre a rappresentarlo, l’incontro, a quanto può anticipare Tuttoggi.info, è scivolato via in un clima abbastanza sereno anche se il sindaco Benedetti in un paio di occasioni ha dovuto ricordare che la città non è disposta ad aspettare oltre e che in ballo c’è il destino di una trentina di dipendenti e delle rispettive famiglie.
Buccetti e Peppucci, da parte loro, hanno evidenziato come anche la due diligence chiesta dai nobili la scorsa settimana si è conclusa positivamente, dal momento che il lavoro dei due consulenti (Carlo Alberto Zualdi e Leodino Galli) rispecchia quanto fissato dal bilancio approvato dal collegio sindacale e dagli azionisti. E’ a questo punto che Rodolfo Varano ha chiesto di poter proseguire l’accertamento anche sui primi sei mesi del 2013, richiesta che è stata accettata dagli azionisti di maggioranza che hanno però fissato un paletto: la due diligence dovrà terminare entro una settimana, decorsa la quale la proprietà della azienda si riterrà libera da ogni vincolo e di poter procedere nelle opportune sedi.
Gli acquirenti hanno accettato la scadenza tanto da aver concordato sulla data della stipula del contratto se l’ispezione contabile-amministrativa non registrerà anomalie: l’appuntamento è stato quindi fissato per il pomeriggio del prossimo 24 luglio presso lo studio di un notaio di Terni. Il sindacato ha accolto di buon grado l’accordo anche se ha chiesto e ottenuto di riconvocare le parti due giorni prima (22 luglio) per monitorare la situazione.
All’incontro erano presenti anche i dipendenti dell’azienda. Nessun comunicato invece da parte del sindaco che per il momento preferisce mantenere una linea di riservatezza sulla delicata vicenda. Di seguito la nota delle organizzazioni confederali: “Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil dell’Umbria esprimono soddisfazione per gli esiti dell’incontro svoltosi oggi presso il Comune di Spoleto tra gli attuali proprietari della Nuova Panetto & Petrelli, Brunoo Buccetti e Giorgio Peppucci, e il soggetto interessato all’acquisto dell’azienda, Rodolfo Varano di Camerino. L’incontro era stato richiesto dal sindacato per una mediazione chiarificatoria tra le parti, visto che d circa un mese la trattativa era sospesa. La riunione si è conclusa con una stretta di mano e un appuntamento presso uno studio notarile ternano il giorno 24 alle 18.30 per la stipula dell’atto di acquisto. Prima di questo passaggio, il prossimo 22 luglio, si terrà una nuova riunione in Comune con le parti e le organizzazioni sindacali, nella quale queste ultime verificheranno l’effettiva sussistenza dei requisiti per il passaggio della proprietà e per la continuità produttiva e il rilancio dell’azienda. Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil esprimono apprezzamento per l’attività svolta dall’amministrazione comunale di Spoleto ed in particolare dal sindaco Benedetti in questa delicata trattativa”.
© Riproduzione riservata


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!