“Una Panchina Rossa” contro la violenza sulle donne - Tuttoggi

“Una Panchina Rossa” contro la violenza sulle donne

Redazione

“Una Panchina Rossa” contro la violenza sulle donne

L'iniziativa è stata promossa dall'assessorato alla Cultura di Gualdo Tadino e curata dagli studenti del Casimiri presso i giardini pubblici di viale Don Bosco, l'inaugurazione ai giardini pubblici
Gio, 08/03/2018 - 13:36

Condividi su:


“Una Panchina Rossa” contro la violenza sulle donne

Otto marzo è sinonimo di Festa della Donna e per l’occasione, durante la mattina odierna, a Gualdo Tadino è stata inaugurata “Una Panchina Rossa” contro la violenza sulle donne presso i giardini pubblici di viale Don Bosco.

La bella iniziativa promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune, è stata curata dalla classe IV C del Liceo Scientifico Casimiri. Al taglio del nastro erano presenti il sindaco Presciutti e la Giunta al completo con gli assessori Pasquarelli, Venturi, Mischianti e Sabbatini, il presidente del Consiglio comunale Parlanti, i consiglieri di maggioranza Passeri e Carlotti, le prof.sse del Liceo Casimiri Angela Codignoni e Oriana Scapeccia oltre agli studenti che hanno scoperto la panchina rossa da loro realizzata (presenti anche gli alunni della scuola primaria Tittarelli).

La panchina rossa, simbolo della lotta contro la violenza sulle donne, contiene frasi scritte dagli studenti per cercare di sensibilizzare la gente su questo delicato tema. “La data dell’8 Marzo – ha sottolineato Presciutti non è stata scelta casualmente per inaugurare questa panchina, che rappresenta, con il suo colore rosso e le frasi al suo interno, un invito a far riflettere tutti i cittadini, fin da giovani, rispetto al tema della violenza sulle donne. Anche il luogo dove è posizionata è significativo, visto che parliamo di uno spazio cittadino centrale rispetto all’Istituto Superiore Casimiri e alle Scuole Elementari Tittarelli, dunque luogo d’incontro tra le differenti generazioni. L’intenzione è stimolare quotidianamente l’attenzione verso temi così delicati”.


Condividi su:


Aggiungi un commento