Ospedale Spoleto depauperato, City forum pronto ad azioni pubbliche

Ospedale Spoleto depauperato, City forum pronto ad azioni pubbliche

Redazione

Ospedale Spoleto depauperato, City forum pronto ad azioni pubbliche

Ven, 29/04/2022 - 12:55

Condividi su:


City forum: "Le associazioni cittadine esigono il rispetto degli impegni e quindi dei diritti dello Spoletino e della Valnerina". Nel mirino pure il sindaco

Nessuna novità sull’ospedale di Spoleto, depauperato da tempo ormai di vari servizi. Mentre la situazione della sanità cittadina si preannuncia sempre peggiore con le annunciate scelte del Piano sanitario regionale che porteranno il distretto sanitario ad essere accorpato con quello di Foligno. Per questo lo Spoleto City forum ha scritto una lettera aperta “alle cittadine ed ai cittadini di Spoleto“.

E nel testo si preannunciano “nuove azioni pubbliche adeguate” in difesa del San Matteo degli Infermi.

City forum: “Disattese promesse Tesei”

“Lo Spoleto City Forum – evidenzia nella nota – riporta l’attenzione sullo stato della nostra sanità. La Presidente della Regione Tesei aveva garantito, con sua parola d’onore, il ripristino di tutti i Reparti e Servizi dell’Ospedale di Spoleto, appena cessata l’emergenza Covid. Al momento questa parola è largamente disattesa, peraltro con la motivazione che è difficile reperire il personale medico.


Ospedale di Spoleto, De Fino: Bandi in corso ma pediatri e anestesisti non accettano


Ad oggi continua l’assurda e inaccettabile disattivazione del Punto nascita. Taluni reparti di degenza essenziali (Ostetricia, Ginecologia, Pediatria) sono stati praticamente soppressi. Altri fondamentali (Chirurgia, Ortopedia, Cardiologia ecc.) sono costretti a lavorare con modalità e ritmi ridotti. Scandaloso l’episodio della bimba di 5 anni cui gli ortopedici non hanno potuto trattare una frattura mancando poi il reparto di degenza pediatrica!

Assunzioni, strumenti e liste d’attesa

Non sono state fatte le assunzioni per ripristinare gli organici, non si ricollocano a Spoleto nemmeno i sanitari che vi operavano prima della improvvida “covidizzazione”, si scoraggiano quelli teoricamente disponibili dando una sensazione di precarietà dello stesso Ospedale. Addirittura si sono disattivati i rapporti con quattro pediatri che avrebbero potuto assicurare lo specifico, indispensabile servizio.

L’iter per l’acquisto delle strumentazioni tecnologiche (vedi nuovo acceleratore lineare per i malati oncologici ed altro) non ha mai fine. Le liste di attesa sono infinite, costringendo gli utenti a rivolgersi a strutture private, visto che mancano in quest’area quelle convenzionate. Frattanto si profila per Spoleto perfino la soppressione del Distretto Sanitario e praticamente il nulla sulla “territoriale di Comunità””.

Le richieste del City forum

“Le associazioni cittadine – incalza il City forum – esigono il rispetto degli impegni e quindi dei diritti dello Spoletino e della Valnerina, con l’IMMEDIATA RIATTIVAZIONE da parte della Regione e della sua ASL 2, DEL PUNTO NASCITA e PEDIATRIA, nonché il ritorno a pieno regime di tutti i Reparti e Servizi propri di un Ospedale DEA (Emergenza-Accettazione). Si chiede altresì una pronta riconsiderazione della Sanità territoriale, non potendo Spoleto e la Valnerina rinunciare ad un Distretto.

“Quali risultati sta ottenendo il sindaco?”

Il City Forum ha molto sollecitato il Sindaco Sisti perché rivendichi dalla Giunta Regionale i diritti sanitari e ospedalieri del nostro territorio e chiede di conoscere, al di là delle rituali “interlocuzioni”, quali risultati concreti stia ottenendo. Abbiamo poi diritto di sapere se e quali indirizzi provengono dalla Commissione istituita per la razionalizzazione, equamente condivisa, dei servizi tra Ospedali di Spoleto – Foligno – Valnerina, e se viene accolta la richiesta di inserirvi un rappresentante qualificato del City Forum, non potendo rischiarsi una “integrazione a senso unico” commissionata ai professionisti personalmente interessati. La gravità della situazione e l’assenza di risposte concrete sta creando grandissimo malessere sociale, al quale il City Forum intende dare voce con nuove azioni pubbliche adeguate”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!