Ospedale di Terni, Cgil attacca "Paralisi della struttura" - Tuttoggi

Ospedale di Terni, Cgil attacca “Paralisi della struttura”

Redazione

Ospedale di Terni, Cgil attacca “Paralisi della struttura”

Mar, 01/02/2022 - 14:19

Condividi su:


"Personale sanitario spostato da una parte all’altra come pedine di una scacchiera, ragionando sulle teste e non sulle specifiche competenze"

Continua l’attacco della Cgil alla gestione della pandemia da parte dell’ospedale Santa Maria di Terni. In una nota firmata dal segretario FP Cgil Terni, Giorgio Lucci, il sindacato comtinua a registrare criticità nella gestione interna della struttura ospedaliera.

“Si rincorre solo il virus”

“Nonostante siamo ormai alla quarta ondata l’ospedale di Terni continua ciclicamente ad essere paralizzato – attacca Lucci – Personale sanitario spostato da una parte all’altra come pedine di una scacchiera, ragionando sulle teste e non sulle specifiche competenze, il tutto senza una progettualità e solo rincorrendo il virus.
Nonostante i ricoveri nel paese siano stabili, in ospedale continuano ad aumentare progressivamente, per cronica inadeguatezza del filtro territoriale per i non acuti, per la mancanza di strutture pronte ad accogliere i dimessi dall’ospedale, per l’incapacità di garantire le cure domiciliari. Tutto ciò sta di fatto bloccando di nuovo tutte le attività non covid che seppure timidamente erano ripartite”.

“Pazienti di serie B”

“Una situazione che si ripete – continua la nota della Cgil – i pazienti chirurgici e quelli non covid, per la quarta volta, sono tornati ad essere pazienti di serie B, con sospensione e blocco dei loro percorsi diagnostici e terapeutici, blocco dei ricoveri e delle liste di attesa. Reparti chirurgici chiusi per la cronica carenza di organico, aggravata da personale in quarantena.
Un Pronto Soccorso al collasso con un numero considerevole di pazienti Covid e non Covid che vi stazionano per giorni, come in un normale reparto di degenza, con personale sanitario stremato, in continuo rientro dai riposi e dalle ferie, i cui casi di Covid sono superiori ad altre strutture. La carenza di personale è frutto del perseverare di anni di scelte, regionali e locali, miopi e della mancanza di un serio investimento sulle risorse umane e sulle strutture”.

“Mancata attivazione posti letto Covid”

“A peggiorare la situazione è la mancanza di percorsi distinti tra pazienti Covid e non Covid, la mancata attivazione di ulteriori posti letto Covid e delle zone grigie (dove vengono assistiti pazienti il cui quadro clinico potrebbe evolversi in Covid) situazione di fatto formalizzata dalla nota della direzione n° 5114 del 26 Gennaio. Tale situazione – seguita la nota – mai verificatasi in precedenza, ha determinato la presenza in alcuni reparti ordinari non covid di pazienti positivi e sospetti, che, seppure isolati, rappresentano sempre un potenziale rischio per mancanza di zone filtro, di locali adibiti alla vestizione e svestizione, di assenza di formazione specifica e presenza di letti sul corridoi.
Un potenziale rischio anche per gli operatori –
conclude Lucci – che sono costretti ad assistere pazienti Covid e non Covid in reparti che dovrebbero essere Covid-free e che invece spesso rischiano di far esplodere dei cluster. L ‘alto numero di contagiati tra il personale potrebbe essere legato anche a questo”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!