Ospedale di Pantalla, ora i dubbi vanno da sinistra a destra

Ospedale di Pantalla, ora i dubbi vanno da sinistra a destra

Massimo Sbardella

Ospedale di Pantalla, ora i dubbi vanno da sinistra a destra

Richiesta bipartisan per un Consiglio Grande con la Regione | Il gruppo Facebook ad oltre 3500 iscritti
Dom, 03/05/2020 - 11:33

Condividi su:


Ospedale di Pantalla, ora i dubbi vanno da sinistra a destra

Pur con qualche distinguo, le forze politiche di maggioranza e di opposizione sembrano aver trovato una linea comune sull’ospedale di Pantalla, di cui si sollecita la riconversione da centro Covid.

Un’unità di intenti che, dopo le schermaglie a suon di comunicati stampa e annunci sui social, è emersa in Conferenza dei capigruppo. Dove la presidente del Consiglio comunale Pagliochini ha colto l’esigenza di un momento di confronto istituzionale allargato sul tema del futuro dell’ospedale. Un Consiglio Grande o un Consiglio comunale aperto alla partecipazione di soggetti della Regione e di altri enti del territorio, le idee ritenute percorribili, anche sulla base di quanto tecnicamente si potrà fare vista l’emergenza Coronavirus ancora in corso.

Fratelli d’Italia: le banali rassicurazioni non bastano

Certo, non mancano i distinguo nell’individuare i responsabili del prolungarsi di questa situazione di emergenza. Il coordinamento tuderte di Fratelli d’Italia chiama in causa innanzi tutto il Governo nazionale, auspicando che possa accogliere una ripartenza anticipata di una regione a basso contagio, qual è l’Umbria: “Ci auguriamo che il Governo nazionale tenga conto di questo ed accolga le proposte dell’Amministrazione comunale presentate durante la settimana agli organi istituzionali“.

Ma FdI guarda anche a Palazzo Donini: “Ovviamente ora ci aspettiamo garanzie e tempi certi dagli organi regionali per il ripristino completo ed il conseguente potenziamento della struttura di Pantalla per non recare disagi troppo lunghi ai 60000 cittadini della Media Valle del Tevere“.

Quanto alle prossime mosse, il consigliere Baiocco si è fatto portavoce della volontà di tutto il coordinamento tuderte di Fratelli d’Italia, aprendosi a qualsiasi soluzione di confronto purché in presenza delle istituzioni regionali. Fratelli d’italia ha infatti richiesto la presenza della presidente Tesei, dell’assessore Coletto e del direttore sanitario regionale Dario che dovranno intervenire nel Consiglio comunale (in streaming) davanti ai cittadini “assumendosi un impegno preciso, “per avere quelle risposte che nemmeno davanti alle richieste dei sindaci della Media Valle del Tevere sono per il momento arrivate“.

Siamo arrivati al punto – prosegue la nota di FdI – in cui le banali rassicurazioni rischiano di non avere nessuna efficacia. Pertanto Fratelli d’Italia di Todi, unitamente ai colleghi degli altri Comuni della Media Valle del Tevere, sarà costantemente in prima linea affinché tutto torni come e meglio di prima“.

Le opposizioni: Consiglio aperto, ma si faccia presto

Anche le opposizioni (Pd, Todi Civica e Partito socialista) giudicano positivamente l’incontro in Conferenza dei capigruppo. Rivendicano di aver aperto il confronto sul tema del ripristino dei servizi ospedalieri alla luce della conversione della struttura di Pantalla in Covid Hospital. E della conseguente decisione di convocare anche un Consiglio comunale Grande, aperto alla partecipazione delle rappresentanze istituzionali della Regione, dei sindaci e dei consiglieri del comprensorio, delle forze sindacali e dei dirigenti sanitari“.

Un momento di confronto – proseguono – che possa chiarire il percorso di riconversione dell’ospedale che, a nostro avviso, non può far venir meno la propria funzione fondamentale per un tempo lungo e indefinito“.

Confronto di Ruggiano e degli altri sindaci con Tesei e Coletto

Ruggiano ha informato che insieme agli altri sindaci del comprensorio si confronterà con la governatrice Tesei e l’assessore Coletto.

Le opposizioni tuderti attendono l’esito di questa interlocuzione, per comprendere quando si potrà organizzare il Consiglio Grande. Ma ricordano che rimane aperta la richiesta inviata il 24 aprile da Pd, Tc e Psi, che ritengono fondamentale un primo formale confronto per la stesura di un documento condiviso da portare all’attenzione della Regione.

La mobilitazione sui social

Intanto prosegue la mobilitazione sui social per tenere accesi i riflettori sull’ospedale di Pantalla. Il gruppo Facebook “Ospedale Pantalla. Occhi aperti” in pochi giorni ha superato i 3.500 iscritti.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!