“Orvieto e l’Orvieto”, a Roma la presentazione delle eccellenze vinicole ed enogastronomiche del territorio

“Orvieto e l’Orvieto”, a Roma la presentazione delle eccellenze vinicole ed enogastronomiche del territorio

Presenti più di 50 giornalisti internazionali specializzati in turismo ed enogastronomia

share

Più di cinquanta giornalisti, specializzati in turismo e enogastronomia, in rappresentanza delle maggiori testate internazionali, hanno partecipato a Roma alla presentazione delle eccellenze vinicole ed enogastronomiche di Orvieto e del suo territorio.
Una serata speciale intitolata “Orvieto e l’Orvieto”, organizzata Luca Puzzuoli, direttore del Palazzo del Gusto, nel ristorante La Veranda, a pochi passi da piazza San Pietro, all’interno del prestigioso palazzo Della Rovere, nei luoghi dove sono state girate alcune delle scene più emozionanti del film “La Grande Bellezza” di Paolo Sorrentino.

Il sindaco di Orvieto, Giuseppe Germani e Enzo Barbi, presidente del Consorzio del Vino di Orvieto, hanno accolto gli ospiti insieme a Vincenzo Fumi, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto. Luca Puzzuoli ha ricordato la vocazione internazionale di Orvieto, uno dei pochi luoghi al mondo dove il nome della città corrisponde al vino prodotto nel territorio e ha illustrato alcune delle iniziative future del Palazzo del Gusto.

Ben 21 i paesi del mondo rappresentati dalla delegazione della stampa internazionale: Giappone, Gran Bretagna, Scozia, Usa, Germania, Cina, Danimarca, Turchia, Russia, Svezia, Belgio, Kuwait, Romania, Serbia, Israele, Francia, Colombia, Egitto, Dubai, Brasile e Australia. Presente anche un gruppo di qualificati giornalisti italiani, in rappresentanza delle maggiori testate nazionali.  Alfredo Tesio, coordinatore del Gruppo del Gusto dell’Associazione della Stampa Estera in Italia, ha ringraziato la città di Orvieto e il Palazzo del Gusto a nome dei suoi colleghi che, nel corso della cena che ha concluso la serata, sono stati coinvolti un apprezzato percorso del gusto, alla scoperta delle eccellenze gastronomiche dell’Orvietano.

Foto di Fabio Alessandrini ©

share

Commenti

Stampa