Omelia di San Feliciano / 'I Kamikaze criminali con pulsione suicida' - Tuttoggi.info

Omelia di San Feliciano / ‘I Kamikaze criminali con pulsione suicida’

Claudio Bianchini

Omelia di San Feliciano / ‘I Kamikaze criminali con pulsione suicida’

Le parole del Vescovo Monsignor Gualtiero Sigismondi nella Solennità di San Feliciano
Sab, 24/01/2015 - 17:19

Condividi su:


Fratelli carissimi, il martirio è una grazia che il Signore ha concesso a san Feliciano per sostenere la fede di tutti noi. Celebrare la festa del Patrono è, dunque, un dovere di gratitudine e, insieme, uno stimolo a testimoniare in modo coraggioso la nostra fede in Cristo che sulla Croce ha vinto per sempre il potere della violenza con l’onnipotenza dell’amore. “Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici” (Gv 15,13): ogni testimone della fede vive questo amore “più grande”, accettando il sacrificio fino all’estremo. Il martirio cristiano si giustifica solo come supremo atto di amore in risposta all’immenso amore di Dio consumato sulla Croce.

San Bernardo, nei Sermones super Cantica, afferma che il coraggio del martire deriva proprio dalle piaghe di Gesù, entro le quali l’uomo di fede dimora. La forza per affrontare il martirio nasce, dunque, dalla profonda e intima unione con Cristo, il quale immediatamente dopo il suo ingresso a Gerusalemme risponde alla richiesta di alcuni greci, che lo volevano vedere, annunciando la sua Passione: “Se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto” (Gv 12,24). Non c’è alternativa per i discepoli di Gesù all’infuori di questa: “Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna” (Gv 12,25). San Feliciano ci ha lasciato questa testimonianza di libertà e di fedeltà: la libertà di dare la propria vita per rimanere fedele al Vangelo. Il suo martirio ci ricorda che “la forma più intensa dell’esperienza della libertà è l’amore”.

Il Martirologio Romano documenta – scrive il card. Giacomo Biffi – che “il cristianesimo si è affermato e ha vinto non quando ha cercato di andar d’accordo con gli araldi della menzogna, i profeti del nulla, gli adoratori dei vari idoli del mondo, ma quando ha saputo essere se stesso fino a esigere il sacrificio della vita; non quando si è posto a civettare con negatori dei valori e delle certezze, ma quando ha saputo affidarsi senza titubanze alla forza della verità; non quando si è illuso che la vita cristiana possa essere una passeggiata sotto i mandorli in fiore, ma quando non ha dimenticato che il battesimo arruola e sostiene in una lotta contro il male, che nella storia non finisce mai”.

Fratelli carissimi, il termine martirio non può essere equivocato. È una parola che indica una moltitudine immensa di cristiani che sono rimasti fedeli a Cristo anche quando il prezzo era, ed è, il più alto possibile: versare il proprio sangue. Per celebrare degnamente il martire Feliciano rendiamo omaggio ai tanti cristiani che in varie parti del mondo sono perseguitati a causa della fede. “La situazione drammatica che vivono i nostri fratelli in Iraq – scrive Papa Francesco nella lettera a loro indirizzata –, ma anche yazidi e gli appartenenti ad altre comunità religiose ed etniche, esige una presa di posizione chiara e coraggiosa per condannare in modo unanime e senza alcuna ambiguità tali crimini e denunciare la pratica di invocare la religione per giustificarli”.

Una parola chiara e coraggiosa occorre dirla sul termine martirio, assunto per indicare, accanto ai martiri della fede, i martiri della patria, della mafia, del lavoro, del totalitarismo: fedeli alle proprie idee, testimoni fino alla morte. Quando i kamikaze, che dicono di agire nel nome del Profeta, si definiscono “martiri” e affermano di essere disposti al “martirio”, anzi di cercarlo, occorre gridare con forza che non sono martiri: non lo sono nemmeno per larghissima parte dell’Islam! I kamikaze, infatti, non sono martiri ma “criminali con pulsione suicida”. Il martire è tutt’altra cosa: è sempre disarmato; ama, non odia; non si toglie la vita, ma la dona; è incapace di qualsiasi violenza; non cerca il martirio ma, se costretto, è disposto a subirlo. La sua testimonianza è mite e pacifica: estingue l’odio con il perdono. Pertanto, le parole martire e martirio non possono essere corrotte nel senso voluto dai kamikaze, perché dimenticheremmo due millenni di storia, di umanità e di fede. “Occorre, dunque, difendere queste parole dall’aggressione dei violenti e dalla dabbenaggine dei distratti”.

Di recente il card. Roger Etchegaray è intervenuto su questo tema osservando che “i rapporti tra musulmani e cristiani sono molto complessi e nevralgici a causa del peso della storia ma soprattutto per via della natura stessa delle due religioni, che in fin dei conti sono molto più dissimili di quanto non si pensi abitualmente. Chiarire l’evoluzione dell’Islam, le sue diverse componenti e i fattori interni che le mettono in movimento, con le loro ricadute positive e negative, è una necessità dettata dalla realtà quotidiana. L’ora del dialogo tra cristiani e musulmani suona oggi con la forza di un campanone, poiché le derive islamiche e i diversi comportamenti terroristici che segnano i nostri giorni stanno sfigurando il volto dell’Islam e fanno dimenticare la qualità dei suoi valori religiosi. Dopo le primavere arabe, a cui sono seguiti i rigori di un inverno portato da correnti estremiste, la stessa libertà religiosa dei cristiani d’Oriente che vivono nei paesi islamici deve essere tutelata”.

Fratelli carissimi, è doveroso ammettere che ci stiamo limitando a tutelare la libertà religiosa dei cristiani d’Oriente con alcune dichiarazioni di principio e qualche fugace intenzione di preghiera. Se vogliamo soccorrere e consolare questi nostri fratelli perseguitati ed oppressi occorre non solo che la comunità internazionale si decida a sostenerli in modo concreto e generoso, ma anche che ci disponiamo ad accompagnare, senza pregiudizi, il processo di integrazione degli immigrati, che è cosa ben diversa da una qualsiasi “sistemazione”. Integrazione è fare spazio allo straniero perché non diventi un “forestiero cronico”; integrazione significa non confondere l’accoglienza con la beneficenza: la prima coinvolge e crea un legame, la seconda si accontenta di un gesto; integrazione vuol dire non essere prevenuti verso chi professa una fede diversa ma nemmeno sprovvisti di una chiara e fiera consapevolezza della propria identità culturale e religiosa.

Fratelli carissimi, la nostra identità civile ed ecclesiale è fondata sul martirio di san Feliciano; celebrare la festa del santo Patrono significa rileggere, con umile fierezza, la genesi della storia della nostra città e riscoprire le radici della nostra fede che egli ha confessato con “mite fortezza”.

ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_foligno

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!