Olio di oliva nel Mediterraneo, Gal e Laboratorio Scienze per la promozione

“L’olio di oliva nel Mediterraneo”, Gal e Laboratorio di Scienze insieme per la promozione

Redazione

“L’olio di oliva nel Mediterraneo”, Gal e Laboratorio di Scienze insieme per la promozione

Gio, 09/12/2021 - 10:55

Condividi su:


Il progetto di scambio culturale e valorizzazione

Si chiama “L’olio di oliva nel Mediterraneo” ed è il progetto transnazionale che sta coinvolgendo i territori del Gal Valle Umbra e Sibillini e del Gal XLOKK di Malta. L’obiettivo è favorire l’incontro tra culture, civiltà e tradizioni legate all’olio di oliva e appartenenti ai due Paesi, ma anche incentivarne gli scambi e concorrere la promozione dello sviluppo rurale, delle identità culturali, sociali e dell’ambiente. E un primo tassello, in questo senso, è stato messo proprio negli scorsi giorni.

Il progetto con il Gal

Dal 15 al 19 novembre scorsi, infatti, presso il Laboratorio di Scienze Sperimentali di Foligno, presieduto dal professor Maurizio Renzini e diretto dal professor Pierluigi Mingarelli, si sono svolte attività didattiche laboratoriali che hanno coinvolto alcuni studenti di Malta e gli alunni una classe del Liceo classico “Frezzi” di Foligno, affiancati dalla professoressa Angela Figoli. Le attività laboratoriali, nelle quali sono state ricomprese anche degustazioni, hanno permesso ai ragazzi di conoscere in maniera approfondita le caratteristiche degli oli delle cultivar del territorio.

Escursioni e visite guidate

La conoscenza delle caratteristiche degli oli del territorio del Gal Valle Umbra e Sibillini è avvenuta anche attraverso escursioni e visite guidate a frantoi ed impianti produttivi. Il progetto prevede anche un secondo incontro tra studenti umbri e maltesi in occasione della prossima “Festa di Scienza e Filosofia – Virtute e conoscenza”, in programma dal 21 al 24 aprile 2022. La diffusione della cultura dell’ulivo e dell’olio d’oliva tra le giovani generazioni rappresenta, però, solo uno dei due ambiti in cui si articola il progetto. L’altro, vede la ricerca sulle cultivar presenti nel territorio del Gal Valle Umbra e Sibillini e del Gal di Malta XLOKK che sarà condotta dalla sede di Perugia dell’ISAFOM del CNR. Il progetto è stato sviluppato, curato e finanziato dai due Gruppi di Azione Locale, “il progetto – spiegano i promotori – punta a ‘rigenerare’ il patrimonio dell’olio di oliva e a creare un momento di incontro tra l’Umbria e Malta.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!