Nodino di Perugia, si allarga il fronte del "no"

Nodino di Perugia, si allarga il fronte del “no”

Redazione

Nodino di Perugia, si allarga il fronte del “no”

Mar, 23/03/2021 - 10:23

Condividi su:


Ordine del giorno delle opposizioni: per il traffico ci sono soluzioni alternative | Dubbi anche tra esponenti della maggioranza

Nodino di Perugia, si allarga il fronte del “no”. I gruppi consiliari di opposizione Pd, Idee Persone Perugia, Rete civica Giubilei hanno depositato un ordine del giorno urgente nel quale lamentano la scarsa utilità, a fronte di un forte impatto sul territorio, del progetto e invitano la Giunta a trovare soluzioni alternative per risolvere il problema del traffico nell’imbuto che si crea nel tratto delle gallerie del Raccordo.

Così il Nodino di Perugia:
le simulazioni sul territorio

Un’azione che segue la risposta da parte della Giunta, ritenuta inadeguata, all’interrogazione che era stata discussa il 3 marzo.

L’ordine del giorno delle opposizioni

“Ci siamo rivolti di nuovo all’Amministrazione comunale – spiegano i firmatari dell’ordine del giorno – per impegnare innanzitutto sindaco e Giunta a partecipare con il Consiglio i propri intendimenti riguardo al Nodino, ma soprattutto per valutare soluzioni alternative a un progetto fortemente impattante, che tra l’altro non risolverebbe i problemi di traffico se non in percentuale irrisoria (circa il 15%)”.

“Inoltre l’ipotizzata progettazione definitiva – proseguono le opposizioni – fa riferimento a un progetto preliminare di circa 20 anni fa e pertanto non può prescindere dagli indiscutibili e ovvi cambiamenti che le dinamiche di sviluppo e tutela hanno determinato in materia di flussi di traffico, salvaguardia ambientale e compatibilità tra costi e benefici”.

“Nodino? Molte alternative”

Pd, Idee Persone Perugia, Rete civica Giubilei ritengono infatti che le alternative percorribili volte a raggiungere l’obiettivo di diminuire il traffico nei tratti interessati possano essere molte. Come migliorare la viabilità provinciale ed interregionale intorno all’area perugina, sfruttare in maniera adeguata le sedi attuali, accanto a “una ricognizione nonché riorganizzazione/implementazione di un sistema pubblico dei trasporti che sia più efficiente ed efficace”.

Da qui la richiesta al sindaco e alla sua Giunta di farsi portavoce di soluzioni “che rispondano ai principi di sviluppo sostenibile e attuino una transizione ecologica autentica”, in linea con quanto richiesto dal piano Next Generation EU. E soprattutto quello di avviare quanto prima “un percorso partecipativo con i comitati, associazioni e i cittadini tutti, che attendono da troppo tempo risposte”.

Nodino, quei 7 km che dividono
territori e professionisti

Dubbi anche nella maggioranza

Intanto, in attesa di una chiara presa di posizione dell’Amministrazione comunale, anche tra esponenti di maggioranza a Perugia si inizia a dubitare sul progetto del Nodino, la cui ripresa era stata annunciata dall’assessore regionale leghista Enrico Melasecche. Un progetto sostenuto dal Ministero delle Infrastrutture (che ha autorizzato l’Anas a redigere il definitivo), in un’ottica che però sembra guardare più alla strozzatura lungo le direttrici nazionali (E45 e proseguimento verso Roma della Perugia – Ancona) che non al problema specifico del capoluogo umbro.

Nodino di Perugia, audizione in Regione
dopo la petizione contro il progetti

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!