Natale “ricco” per il Liceo ‘Mazzatinti’, sotto l’albero finanziamento da 44mila euro

Natale “ricco” per il Liceo ‘Mazzatinti’, sotto l’albero finanziamento da 44mila euro

Il polo scolastico è stato valutato ed inserito in una nuova graduatoria di merito per il P.O.N. (Piano operativo nazionale), i fondi andranno rafforzare le competenze di base degli studenti

share

Un bel regalo di Natale sotto l’albero per il Polo liceale “Giuseppe Mazzatinti” di Gubbio che, proprio ieri (domenica 24 dicembre), ha saputo di essere stato valutato ed inserito in una nuova graduatoria di merito per il P.O.N. (Piano operativo nazionale) relativo alle “Competenze di base”.

In poche parole si tratta di un finanziamento di circa 44.000 euro per rafforzare le competenze di base degli studenti, con particolare attenzione all’italiano, alla matematica, alle scienze naturali, all’italiano per stranieri, alle lingue straniere. Con questi fondi, la scuola potrà sostenere tutte le progettualità, molte già in essere, per rafforzare il lavoro degli studenti ed assicurare loro il pieno successo formativo.

Un importante riconoscimento al Polo liceale che, da sempre, mette al centro della propria azione educativa, il bene degli studenti e la loro capacità di potersi realizzare nei vari campi della conoscenza. “Viene premiato un grande lavoro di squadra” – dichiara soddisfatta la dirigente Mariella Marinangeli – “dopo i finanziamenti nel PON sportivo, per attrezzature ginniche del liceo sportivo, e nel PON inclusione, per i progetti di didattica inclusiva, questo per il rafforzamento delle competenze di base, riconosce al Liceo una indubbia capacità progettuale”.

Un lavoro, condotto e portato avanti dai docenti che si spendono quotidianamente nella messa a punto di nuove strategie educative e che conferma l’eccezionale qualità degli insegnanti del Mazzatinti. Sottolinea, insomma, come la visione strategica della mission educativa, non si improvvisa ma si costruisce passo dopo passo – ha aggiunto Marinangeli –  Chiudiamo un 2017 con un bellissimo riconoscimento. Il futuro, oggi, ci appare davvero ricco e innovativo”.

share

Commenti

Stampa