Natale 2020 a Perugia, il Card. Bassetti ritorna a celebrare l'Eucarestia in cattedrale - Tuttoggi

Natale 2020 a Perugia, il Card. Bassetti ritorna a celebrare l’Eucarestia in cattedrale

Redazione

Natale 2020 a Perugia, il Card. Bassetti ritorna a celebrare l’Eucarestia in cattedrale

Sab, 26/12/2020 - 10:48

Condividi su:


Natale 2020 a Perugia, il Card. Bassetti ritorna a celebrare l’Eucarestia in cattedrale

Con il popolo di Dio, a Natale, rivolgendo il suo pensiero a tutti i malati, alle persone sole, agli anziani, ai bambini e ai ragazzi. L'omelia integrale

«Dopo due mesi di malattia oggi è una grazia di Dio poter rivedere i vostri volti e soprattutto poter celebrare con voi, con il mio popolo, con la mia gente, con le mie famiglie, il Santo Natale».

Con queste parole il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, ha introdotto la solenne celebrazione eucaristica del Natale del Signore 2020, nella cattedrale di San Lorenzo, al tempo del Coronavirus.

E’ stato un giorno molto particolare per l’intera comunità diocesana, segnato dal ritorno, dopo due mesi, del suo Pastore in mezzo al suo Gregge celebrando l’Eucaristia davanti al popolo di Dio.

L’ultima volta che il cardinale Bassetti ha presieduto la celebrazione eucaristica in una chiesa di Perugia, prima di ammalarsi di Covid-19, è stata domenica 25 ottobre, in occasione della riapertura al culto della chiesa del Gesù di piazza Matteotti.

«Quale grande gioia è stata per me – ha commentato il cardinale prima dell’omelia – quando i medici mi hanno detto che potevo celebrare oggi, Giorno di Natale, la mia prima messa in mezzo al popolo; quale gioia rivedere il nostro sindaco, i sacerdoti della cattedrale, il coro e tutti voi che rappresentate questa Chiesa benedetta e da me tanto amata».

«Il mio pensiero, in questo giorno della venuta del Signore tra noi che ridà senso e speranza alla vita segnata da questa pandemia – ha evidenziato Bassetti a conclusione della celebrazione –, va a chi è solo, agli anziani e ai bambini. I bambini hanno sofferto tanto, perché hanno bisogno di stare insieme, hanno bisogno di comunicare, come anche i ragazzi, sperando che per loro la scuola, progressivamente, possa riprendere. Penso anche alle famiglie che hanno dei malati, e a tutti i malati in ospedale. Io, che in ospedale non ero mai stato prima se non per accertamenti di breve periodo, ho sperimentato cos’è una lunga degenza e sono particolarmente vicino a quanti si trovano oggi ricoverati per gravi malattie.

Il vescovo esprime a tutti loro il suo affetto, la sua solidarietà, la sua vicinanza e non può non dire a tutti: coraggio, coraggio, attaccatevi alla mano di quel Bambino che è venuto a salvarci e ha preso su di sé le nostre fragilità. Il Natale è bello se noi ci fidiamo del Natale e fidarsi vuol dire affidarsi completamente a Colui che il Padre ci ha mandato. Soltanto questo Bambino, che è venuto a salvarci, è capace di farci gioire ancora. Questo è l’augurio che dal profondo del cuore io mi sento di esprimere a tutti voi, alla città di Perugia, alla nostra Diocesi e anche all’Italia e al mondo intero».

Omelia integrale del Giorno di Natale in cattedrale.

Fratelli e Sorelle, è davvero indescrivibile l’emozione con cui torno a celebrare la Santa Eucaristia nella nostra amata chiesa cattedrale, dopo i giorni drammatici del ricovero ospedaliero e poi della convalescenza.

Sono grato al Signore di poter essere ancora con voi a spezzare il pane e di vita. Ringrazio tutti per la vicinanza e la fervorosa preghiera al Signore e alla Madonna della Grazia. L’affetto e la preghiera di tanta gente, ne sono certo, mi ha aiutato tanto a vincere il male. Il Bambino Gesù, con la sua fragilità, ci insegna ad avere fiducia e a guardare al futuro sempre con speranza.

La liturgia della Parola di questo santo giorno è culminata con la proclamazione del “Prologo” del vangelo secondo Giovanni, una delle pagine del Nuovo Testamento che ci fa raggiungere le vette più elevate del pensiero cristiano, e, anzi, le vette più alte di ogni riflessione su Dio. All’umanità, che con il suo desiderio di infinito cerca qualcosa di più grande della propria limitata esistenza, l’evangelista risponde dicendo che Dio ha parlato con il Verbo, prima attraverso la creazione (perché «tutto è stato fatto per mezzo di lui»), poi per mezzo dei Profeti – come si è visto anche nella seconda lettura, tratta dalla Lettera agli Ebrei – e, infine, Dio ha liberamente deciso di farsi conoscere entrando nella nostra stessa condizione umana: la Parola di Dio ha preso la nostra carne.

Carissimi fratelli e sorelle, solo salendo così in alto, con lo stesso sguardo di un’aquila – che è tradizionalmente il simbolo dell’evangelista Giovanni – possiamo contemplare tale mistero; ma dobbiamo stare attenti: se leggiamo bene il Prologo, l’evangelista ci invita anche a tornare alla nostra esperienza umana più concreta. Infatti, che «il Logos divenne carne» non vuol dire tanto che la Parola «si è fatta uomo», ma che ha condiviso la nostra condizione umana, quella, cioè, sottoposta alle leggi del divenire e della caducità. Il Dio eterno, nel suo stato divino celeste e spirituale, ha scelto che la carne – come scrisse un autore cristiano del III secolo, Tertulliano – diventasse il luogo della salvezza: «Caro salutis est cardo”, «la carne è il cardine della salvezza» (De carnis resurrectione, 8,3: PL 2,806).

Il Verbo eterno ha preso la carne della debolezza. Quanta differenza c’è tra l’idea sbagliata, che spesso ci facciamo, di un Dio lontano, impassibile, che mai però è rappresentato in questo modo nella Scrittura, e la rivelazione del Dio di Gesù Cristo, e che in Gesù ha condiviso la nostra vita.

Fortemente provato dal Coronavirus. Non c’è bisogno, fratelli e sorelle, che io insista su questo punto. Il Signore ha permesso che anche il vostro Vescovo, come centinaia di migliaia di persone nel nostro Paese, e milioni nel mondo, venisse fortemente provato dal Coronavirus. Non c’è bisogno che spieghi che cosa sia la debolezza della nostra carne, che a volte immaginiamo inattaccabile, invincibile, e che invece mai come in questa pandemia mostra la sua fragilità.

Cristo non si è tenuto lontano da questa umanità fragile, e ha scelto questo destino, ha scelto la nostra sorte, ma per invitarci ad alzare lo sguardo: solo accogliendo con verità la nostra condizione, possiamo invocare quella grazia che il Figlio è venuto a darci: «la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo» (Gv 1,17), ha scritto l’evangelista.

Ringraziamo Dio anziché lamentarci. Carissimi, «in questo tempo difficile, anziché lamentarci di quello che la pandemia ci impedisce di fare», come ci ha detto papa Francesco all’Angelus di domenica scorsa, ringraziamo Dio perché abbiamo potuto celebrare la memoria della nascita di quel bambino che fu «avvolto in fasce e posto in una mangiatoia» (Lc 2,7). È lì, diceva ancora il Papa, nella mangiatoia di Betlemme, che «c’è la realtà, la povertà, l’amore. Prepariamo il cuore come ha fatto Maria: libero dal male, accogliente, pronto a ospitare Dio» (Angelus, 20 dicembre 2020).

Il dito puntato. E accogliamo Gesù anche come ha fatto san Giuseppe, la cui presenza discreta e paterna mai manca accanto a Maria e al bambino. In quest’anno speciale che il Papa ha dedicato al Patrono della Chiesa universale, chiediamo a Giuseppe la sua stessa tenerezza. Quella che ha avuto per il figlio di Maria, e che – scrive il Papa – ci permette anche di «toccare ciò che è fragile in noi. Il dito puntato e il giudizio che usiamo nei confronti degli altri molto spesso sono segno dell’incapacità di accogliere dentro di noi la nostra stessa debolezza, la nostra stessa fragilità» (Francesco, Patris corde, 2).

Solo la tenerezza che un padre può avere per il proprio figlio, può farci guardare con misericordia i nostri limiti, e permetterci di essere misericordiosi e caritatevoli con gli altri. E Dio solo sa quante famiglie, quante persone, quanti poveri hanno ancora più bisogno oggi, anche in questi giorni di festa, della nostra attenzione e della nostra opera. Siate aperti di cuore, siate solidali con chi ha bisogno.

Auguri, fratelli e sorelle carissimi, perché la luce di questo Natale, così diverso dagli altri, lasciatemelo dire umanamente parlando, così drammatico, illumini la nostra mente nel cammino di questa vita terrena, e ci conceda «di partecipare alla sua gloria nel cielo» (Colletta della Messa della Notte).

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!