NASI RIFATTI:IN ITALIA SERVONO SEMPRE PIU' PER LA COCAINA - Tuttoggi.info

NASI RIFATTI:IN ITALIA SERVONO SEMPRE PIU' PER LA COCAINA

Redazione

NASI RIFATTI:IN ITALIA SERVONO SEMPRE PIU' PER LA COCAINA

Mar, 30/10/2007 - 08:55

Condividi su:


Fino a poco tempo fa era una cosa da ricchi, ed il motivo era quasi sempre estetico .

In verità una leggenda metropolitana favoleggiava di una famosa ricostruzione ante litteram, in argento, di un naso famoso e ” industriale”.

Rifarsi il naso distrutto dalle sniffate di cocaina, gratis in ospedale o con diecimila euro in una struttura privata oggi è davvero l'ultima tendenza per i consumatori della polvere bianca, e si sta diffondendo in misura tale che i chirurghi hanno ormai delle vere e proprie liste d'attesa. La segnalazione giunge dal Congresso di Federserd, la federazione degli operatori pubblici delle dipendenze, in corso a Sorrento. Fino a poco tempo fa, i casi di ricostruzione del naso – dicono gli esperti di Federserd – erano rarissimi, uno su cento cocainomani, quasi nessuna donna. E riguardavano per la quasi totalità vip dello spettacolo o manager. Ora la richiesta di questo intervento si è ampliata. Ci sono liste di attesa di cinque mesi in cliniche private e più di un anno e mezzo in ospedale, quasi quanto per una Tac. Non sono più rare le donne, e sono sempre più numerose le persone di tutti i ceti sociali. “Si sniffa cocaina, si vede il naso danneggiato con grande difficoltà nella respirazione – dice Claudio Leonardi, coordinatore del Comitato scientifico di Federserd – si va dal chirurgo plastico per un intervento, si soffre un po' e poi se non si è imparata la lezione e non ci si è curati, si torna a sniffare”. “E' un problema in aumento – aggiunge Leonardi – ed é un fenomeno che vediamo bene parlando con i tossicodipendenti. La situazione è ancor più grave se si pensa che sono costretti alla ricostruzione del naso anche tanti giovanissimi, nei quali le mucose e la cartilagine sono più delicate”. “C'é una valvola nel naso – commenta da Roma il professore Ezio Maria Nicodemi, specialista in chirurgia plastica a Tor Vergata – che recita un ruolo cruciale nelle fasi di ispirazione e di espirazione. Quando una persona prende cocaina provoca prima un danno ai tessuti della mucosa nasale e poi, se continua a sniffare, al tessuto cartilagineo che è la componente, anche se in parte, del cosiddetto setto nasale. Con il tempo la cocaina provoca la perforazione della mucosa e della cartilagine”.

Chissà se l'argento del “famoso” naso era per risparmiare una volta per tutte sulla classica banconota che occorre per aspirare…?

Se qualche amico vi dice ” ho deciso ..mi vado a rifare il naso” , assicuratevi che non faccia scattare i metal detector!!


Condividi su:


ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!