Mostra del Tartufo, si chiude con un boom di visitatori la 37^ edizione - Tuttoggi

Mostra del Tartufo, si chiude con un boom di visitatori la 37^ edizione

Redazione

Mostra del Tartufo, si chiude con un boom di visitatori la 37^ edizione

Per Bacchetta e Severini "bilancio positivo", tanta la solidarietà per le popolazioni colpite dal terremoto
Mar, 01/11/2016 - 16:48

Condividi su:


Soffusa da una vena di tristezza per le popolazioni colpite dal sisma, si è chiusa la 37^ Mostra nazionale del Tartufo Bianco di Città di Castello. “Un’edizione particolare in cui, bandito il clima della festa a causa del terremoto di Marche ed Umbria, sono state valorizzate le produzioni tipiche e certificate della nostra terra, una delle eccellenze della regione, da proteggere e tutelare perché parte di quell’identità, insieme al capitale umano e al patrimonio artistico che la natura sta mettendo a dura prova“, commentano il sindaco Luciano Bacchetta e il commissario della Comunità Montana Mauro Severini, rappresentanti degli enti promotori.

image-01-11-16-04-27-1Per cinque giorni, da venerdì 28 ottobre a martedì 1 Novembre, il centro storico si è trasformato in una ininterrotta sequenza di degustazioni gratuite all’insegna della trifola, della carne prelibata dal Vitellone bianco e dei prodotti a chilometri spettanti, cucinati da chef di primo piano, tra cui chef Giorgione del Gambero Rosso, esibitosi nello spazio di Piazza Matteotti, dove nella mattina odierna si è svolto il Foodblogger contest, una gara ai fornelli tra la delegazione di giornalisti di testate nazionali specializzate, che ha vissuto la mostra in diretta, insieme a tantissimi turisti e tifernati, nei suoi eventi di punta. Tra questi le degustazioni di beneficenza: nella Sala dei Fasti di Palazzo Vitelli e nella Sala degli Specchi di Palazzo Bufalini, con l’incontro tra Umbria e Trentino, ospite della Mostra nel punto, frequentatissimo, di Piazza Andrea Costa, in un menù dalle contaminazioni molto apprezzate sia di ingredienti che di vini.

Quest’anno avevamo fatto una scommessa più difficile di quella sulla trifola, che è una certezza, confermata anche in questo 2016: dare voce alla nuova agricoltura, spesso fatta da giovani che stanno inventando il loro futuro, tornando alla terra dei loro padri anziché disperdersi tra mille opportunità del mondo globalizzato. Un investimento ripagato dalla grande affluenza al Tour delle eccellenze, filo conduttore della Mostra, e ai Saloni tematici tra cui Slow Food e il Salone della Biodiversità

Bilancio positivo, dunque, per Bacchetta e Severini, che rimandano ad una riflessione più articolata della Mostra, ringraziando tutti i soggetti che hanno partecipato, a partire dalle società rionali Madonna del Latte, Prato, Riosecco: “Il nostro pensiero, nell’archiviare l’edizione, va a chi in queste ore convive con il terremoto. A loro andrà una solidarietà non solo morale ma anche concreta, che rappresenta il nostro contributo per le difficoltà che dovranno affrontare“.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!