Maxievasione 'cinese' da 7 milioni | Indagate 20 persone nell'Operazione Grande Muraglia - Tuttoggi

Maxievasione ‘cinese’ da 7 milioni | Indagate 20 persone nell’Operazione Grande Muraglia

Luca Biribanti

Maxievasione ‘cinese’ da 7 milioni | Indagate 20 persone nell’Operazione Grande Muraglia

Procura Della Repubblica e Fiamme Gialle scoprono frode ai danni dello Stato
Mar, 28/11/2017 - 12:29

Condividi su:


Maxievasione ‘cinese’ da 7 milioni | Indagate 20 persone nell’Operazione Grande Muraglia

Una maxievasione fiscale da 7 milioni di euro è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Terni che, con il coordinamento della Procura Della Repubblica, ha indagato 20 persone, tutte di origini cinese, per ‘truffa’: 10 di queste sono tutti imparentate tra loro e operavano a Terni nel settore dell’abbigliamento, mentre le altre 10 erano dislocate tra la provincia di Perugia, Toscana, Emilia, Lombardia e Veneto.

Il sistema con il quale avevano omesso il versamento dei tributi nelle casse dello Stato è quello fondato sul cosiddetto sistema ‘apri e chiudi’, cioè un turn over di attività produttiva biennale di aziende intestate fittiziamente a cittadini di nazionalità cinese che utilizzavano fatture per operazioni inesistenti emesse da altre aziende dislocate sul territorio nazionale. I prodotti, grazie all’evasione dei tributi, potevano poi essere venduti a una grande azienda del centro Italia in un regime di ‘concorrenza sleale’, che procurava agli imprenditori un cospicuo giro di affari.

Dopo un’accurata attività investigativa, con l’incorcio dei contributi versati negli ultimi 3 anni, su disposizione del Gip Bona Galvagno, sono stati sequestrati beni materiali per l’equivalente dei reati tributari, che potrebbero poi passare in regime di confisca, permettendo così il recupero di quanto non versato.

“Un risultato importante – ha sottolineato il procuratore capo Alberto Liguori nella conferenza stampa di questa mattina al Comando provinciale della GdF – perché non è scontato che, una volta accertato il reato, si riesca poi a recuperare quanto sottratto allo Stato. Grazie agli uomini del Colonnello Giua (il Com. provinciale della GdF, ndr) – e alla collaborazione tra istituzioni siamo invece riusciti a sequestrare capannoni, auto di lusso, immobili e macchinari tecnologicamente molto avanzati”.

L’operazione è stata coordinata anche dal pm Camilla Coraggio  che ha evidenziato come “La collaborazione di un corpo specializzato come quello della Guardia di Finanza è stato fondamentale per la riuscita dell’operazione”.

“Vorrei sottolineare due aspetti importanti di questa operazione ha spiegato il procuratore capo Liguoriil primo è che le regole del mercato vanno seguite da tutti per non penalizzare le imprese oneste e consentire ai lavoratori di non essere sfruttati. Il secondo concetto è che lo Stato siamo tutti noi e che il pagamento dei tributi alle casse dello Stato torna poi indietro in servizi. I soldi che lo Stato recupera dovranno poi essere investiti nel sociale, aiutare chi ha bisogno, è per questo che l’Operazione Grande Muraglia rappresenta un segno tangibile della presenza delle istituzioni nel combattere l’illegalità”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!