MAXI RETATA “ANTI STRANIERI” A FONTIVEGGE: 32 PERSONE CONTROLLATE, DUE ARRESTI PER RESISTENZA, 9 ESPULSIONI E 21 RILASCIATI

MAXI RETATA “ANTI STRANIERI” A FONTIVEGGE: 32 PERSONE CONTROLLATE, DUE ARRESTI PER RESISTENZA, 9 ESPULSIONI E 21 RILASCIATI


share

(Fda) Maxi retata della polizia ieri in zona della stazione Fontivegge, con numerosi poliziotti impiegati a  “setacciare” le aree di fontivegge, del parco della verbanella, Via Campo di Marte e Via del Macello. Gli uomini della Squadra Mobile e gli uomini della  Squadra Volante, hanno rintracciato 32 cittadini stranieri, tutti di origine nordafricana, prevalentemente di origine Tunisina; nei confronti di due in partcolare gli uomini della Polizia di Stato hanno proceduto all’arresto per i reati di violenza e resistenza ad un Pubblico Ufficiale, in quanto -secondo la ricostruzione degli agenti- durante i controlli hanno opposto resistenza, cercando di aggredire alcuni di loro.

Al termine delle verifiche sull'identità eseguite dall’Ufficio Immigrazione, sono stati adottati 9 provvedimenti di espulsione tutti nei confronti di cittadini tunisini irregolarmente presenti nel territorio nazionale, mentre 21 persone sono state rilasciate perché muniti di permesso di soggiorno rilasciato per motivi umanitari.

L'AGGRESSIONE In serata gli uomini della Squadra Volante hanno arrestato per rapina, lesioni e danneggiamento e resistenza ad un Pubblico Ufficiale un uomo, 29 anni di nazionalità tunisina, sedicente, con precedenti di Polizia per reati contro la persona e stupefacenti. Erano passati pochi minuti dalla chiusura di un noto supermercato di via Gallenga quando la guardia giurata, che stava completando il controllo, ha sentito le urla di una donna. Si trattava di un ragazzo nordafricano che stava picchiando una ragazza, mentre quest’ultima gli implorava di restiture il suo cellulare. Si trattava di una coppia che stava litigando violentemente. Avvicinatosi per aiutare la donna è stato colpito anche lui dal tunisino con calci e pugni e poi lo ha visto allontanarsi verso via Cortonese. Gli Agenti della Volante, giunti immediatamente sul posto, hanno notato il vistoso livido sul viso della ragazza e grazie al racconto più dettagliato fornito dalla stessa e alla descrizione fisica fornita dalla guardia, sono riusciti, dopo minuti a rintracciarlo in via del macello. A seguito del controllo , che è risultato positivo in quanto è stato trovato in possesso del cellulare modello Iphone sottratto alla sua donna, è stato arrestato.
 

share

Commenti

Stampa