Masterchef alla Cascata di Terni, ecco come è andata - Foto - Tuttoggi

Masterchef alla Cascata di Terni, ecco come è andata – Foto

Redazione

Masterchef alla Cascata di Terni, ecco come è andata – Foto

Ven, 20/01/2023 - 13:58

Condividi su:


Masterchef fa tappa a Terni, nella cornice della Cascata delle Marmore. Ciriole alla ternana protagoniste insieme al pampepato

L’avventura degli aspiranti chef a MasterChef Italia settimana dopo settimana diventa sempre più imprevedibile: una serata che nasceva come “confortante”, avendo come colonna portante proprio il comfort food, si è rivelata insidiosa e ancor più tecnica. Mystery Box dedicata alle conserve, Invention Test con i supplì capolavoro dello chef Jacopo Mercuro, prova in esterna alla Cascata delle Marmore sul cibo della tradizione locale e Pressure Test sul “minestrone creativo” hanno riempito di ostacoli la via degli aspiranti chef, e sono stati fatali per Ivana, l’assistente parlamentare di 60 anni, romana, che ha dovuto slegare per sempre il grembiule di MasterChef Italia.

Masterchef al 3,4% di share

L’appuntamento con il cooking show Sky Original prodotto da Endemol Shine Italy, ieri su Sky Uno/+1 e on demand, ha totalizzato 794mila spettatori medi, in linea con la precedente stagione, con il 3.4% di share e il 72% di permanenza. Nel dettaglio, il primo episodio ha raggiunto 873mila spettatori medi e il 3,2% di share, con 1.200.021 contatti; a seguire, il secondo episodio di serata ha raggiunto 716mila spettatori medi, con il 3.6% di share e 999.454 contatti. Gli ascolti degli episodi della scorsa settimana, nei sette giorni, sono volati a 2 milioni 151 mila spettatori con quasi 2,8 milioni di contatti unici e una permanenza altissima, al 78%, in crescita del +11% rispetto alla scorsa stagione e in linea rispetto alla settimana precedente.

Masterchef sui social

Sui social, grazie alle oltre 90mila interazioni social nella giornata di ieri e alle oltre 128mila interazioni totali, l’hashtag ufficiale #MasterChefIt è rimasto sul podio dei trending topic più commentati a livello nazionale (fonti: Talkwalker SCR; Trends24.in)

La mistery box

Le aspettative dei tre giudici Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli sono sempre più alte e anche il livello delle prove da loro organizzate per i cuochi amatoriali in gara continua a salire. A cominciare dalla Mystery Box che nascondeva delle “conserve speciali”, nate durante gli anni della pandemia dalla rivisitazione dei menù di grandi chef, come la “Barbabietola marinata al miele” della chef Viviana Varese, la “Pasta di arance arrosto”, la “Salsa Neurone” di Ciccio Sultano, la “Giardiniera di verdure”, la “amatriciana di pesce” creata da Moreno Cedroni, la “Composta di pesca e citronella”, la “Muddica Atturrata”, la “Mostarda”, la “Strawberry Spread” della chef Ana Ros e il “Savor”, una composta di mosto d’uva, mele e pere cotogne. I componenti della Masterclass dovevano ricreare dei piatti utilizzando le conserve che preferivano, scegliendo anche alcuni ingredienti, per un massimo di tre, dalla dispensa.

I piatti migliori

Se le conserve rappresentano una “zona di comfort”, la prova, per molti degli aspiranti chef, si è dimostrata tutt’altro che confortante. I piatti migliori sono stati quelli di Lavinia con “Sfida in comfort zone” (cappellacci ripieni con ricotta, melanzane, polpa di arance arrosto con chips di melanzane e cialda alla salsa Neurone), di Laura con “Triglia from Sicily” (triglia impanata su crema di cipolla, salsa Neurone e barbabietola al miele con schiuma di pinoli e mosto d’uva) e di Ollivier, il cui piatto “Sapori del sud” (polpette di melanzana e amatriciana di pesce con tartare di spada marinata su composta di pesche e citronella) è stato giudicato perfetto e quindi migliore della prova.

Il supplì al telefono

Protagonista dell’Invention Test è stato il supplì al telefono. In cucina è arrivato lo chef Jacopo Mercuro che ha recentemente vinto il premio per la miglior proposta di fritti nella “50 Top Pizza”, la prima guida italiana e internazionale sulle migliori pizzerie del mondo. Lo chef ha mostrato alla Masterclass le sue speciali rivisitazioni del supplì al telefono: la “Coda alla vaccinara”, la “Sfera bruciata” con la panatura di cipolla bruciata e un ripieno di tonnarello, crema di piselli, guanciale e parmigiano reggiano, e il cosiddetto “Sampietrino” – dalla forma che ricorda proprio la caratteristica pavimentazione romana – ripieno di noodles, zucchine, carote, funghi shiitake, zenzero e sesamo nero. Tutta la classe, che ha dovuto realizzare dei personali supplì al telefono, si è confrontata con una prova molto tecnica volta a far emergere la loro creatività ed originalità. Chef Barbieri, Cannavacciuolo e Locatelli, dopo aver assaggiato le creazioni di tutti i concorrenti, hanno scelto i tre aspiranti cuochi che si sono distinti per tecnica e originalità: Hue, Laura e Bubu, quest’ultimo vincitore ufficiale della prova. Dall’altra parte, Sara, Ivana e Roberto hanno realizzato i supplì peggiori e quindi sono rimasti sotto la balconata in attesa del Pressure Test, saltando la prova in esterna.

Masterchef alla Cascata delle Marmore di Terni

Il resto della Masterclass si è spostato – grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni – alla Cascata delle Marmore, nella parte umbra della Valnerina, un territorio dove a dominare è proprio quella che è la più alta cascata artificiale d’Europa. Divisi come sempre in due brigate e giudicati da 35 commensali ternani DOC, massimi esperti del gusto locale, hanno dovuto preparare i piatti della tradizione locale: la prima portata, uguale per entrambe le squadre, ha visto protagonista le “Ciriole alla ternana”, il vero e proprio “piatto della domenica” per i ternani, da servire con un sugo a base di pomodorini, aglio, prezzemolo e peperoncino; la seconda portata per i blu era un piatto creativo a base di pesce di Lago di Piediluco, che loro hanno scelto di servire con patatine e salsa alla cipolla, mentre per i rossi era una ricetta a base di selvaggina, quindi polpette di cinghiale alla cacciatora con funghi fritti; come terza portata, invece, entrambi dovevano cimentarsi sul pampepato di Terni, senza dubbio il dolce più identitario del territorio umbro. La brigata blu, capitanata da Bubu, era formata anche da Nicola, Hue, Leonardo, Edoardo e Francescone; la brigata rossa era guidata da Silvia e vedeva come componenti Giuseppe, Mattia, Ollivier, Laura, Lavinia: ed è stata quest’ultima brigata a spuntarla, per 21 voti a 14, con i 6 cuochi blu costretti a raggiungere i 3 fermi nel limbo per la prova decisiva, un Pressure Test guidato stavolta da Chef Barbieri, che ha illustrato la sua idea di “minestrone creativo”, una versione golosa e accogliente del piatto in assoluto simbolo del “comfort food”. I concorrenti hanno avuto a disposizione 30 minuti per realizzare un minestrone originale: il risultato è stato palese, il piatto di Ivana aveva, secondo i giudici, ingredienti rimasti crudi e quindi è stata lei a togliere il grembiule lasciando per sempre la cucina di MasterChef Italia.

Settimana prossima, giovedì 26 gennaio sempre alle 21.15 su Sky e in streaming su NOW, i cuochi amatoriali proseguiranno il proprio viaggio tra i fornelli di MasterChef Italia tra nuove insidie e ospiti illustri: ormai siamo al giro di boa, e ogni errore può essere fatale.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!