MANU e Museo archeologico di Orvieto | Un anno di incontri, mostre, convegni

MANU e Museo archeologico di Orvieto | Un anno di incontri, mostre, convegni

Del nutrito programma, ha parlato Luana Cenciaioli, direttrice di entrambi i musei e organizzatrice degli eventi

share

Conferenze, convegni, mostre, visite guidate, allestimenti museali, laboratori. Presentato al Museo archeologico nazionale dell’Umbria (piazza Giordano Bruno, 10, Perugia) un nutrito programma di iniziative che si svolgeranno nel corso dell’anno al MANU e al Museo archeologico nazionale di Orvieto. Ne ha parlato Luana Cenciaioli, direttrice di entrambi i musei e organizzatrice degli eventi.

Cominciamo con il Museo archeologico nazionale dell’Umbria. Innanzitutto, venerdì 16 febbraio, alle ore 17, prenderà il via la nuova serie di incontri dedicati al “Mestiere dell’archeologo”. Paolo Bruschetti, Luca Donnini, Massimiliano Gasperini incentreranno i loro interventi su “Gli avori di Carsulae e gli scavi di Umberto Ciotti”. Seguirà una visita guidata a reperti del museo. Il 2 marzo, sempre alle ore 17, sarà la volta di Dorica Manconi che tratterà della zecca di Perugia. Al termine, visita alla sezione numismatica del MANU.

Altri incontri in programma: il 6 aprile con Sergio Occhilupo (Hispellum tra la conquista romana e l’età augustea), l’11 maggio Paolo Braconi (Clibano, sopra o sotto il testo?), l’8 giugno Giovanni Altamore (La tomba etrusca di Città della Pieve), 6 luglio Tiziana Caponi (L’Umbria e la via amerina), il 21 settembre Francesco Roncalli (La pittura etrusca), il 19 ottobre Donatella Scortecci (Trevi, mosaico policromo a temi marini), il 16 novembre Luana Cenciaioli e Lorena Rosi Bonci (Il Tevere, fiume della storia, patrimonio culturale e ambientale dall’antichità ad oggi). Costituiscono una novità le visite guidate mensili gratuite rivolte agli abitanti dei quartieri con particolare riferimento all’archeologia e ai reperti esposti del relativo territorio (S.Lucia, S.Marco: la tomba di villa Barbiellini e il cippo perugino; Monteluce: la tomba dei Rafi; Porta Santa Susanna: sez. Perugia e reperti Piaggia Colombaia; Borgo Bello e S.Pietro: tombe del Frontone e terrecotte architettoniche; S.Angelo: S.Caterina Vecchia e Sperandio). Saranno organizzate in accordo con il Comune di Perugia.

Tra i convegni, giovedì 1 marzo il MANU ospiterà “Insegnare il Novecento. Prospettive e proposte per una didattica della letteratura contemporanea nella scuola delle competenze e del digitale” a cura delle case editrici Giunti T.V.P. (Tancredi Vigliardi Paravia) e Treccani in collaborazione con Polo museale dell’Umbria – Ministero Beni e Attività Culturali e Turismo. A giugno giornata di studio, invece, dedicata alla figura di Giuseppe Calzoni e agli scavi di Cetona e il 7 settembre su Perugia etrusca in collaborazione con Velimna.

Per quanto riguarda le aperture di nuove sezioni: sabato 10 marzo “Minima epigrafica, iscrizioni su reperti di vita quotidiana” a cura di Lucio Benedetti. Venerdì 20 aprile sarà aperta la sezione mosaici del museo con una comunicazione del restauratore Adamo Scaleggi mentre sabato 26 maggio sarà inaugurato il lapidario. E veniamo alle mostre: sabato 14 luglio inaugurazione “Dai sequestri alla valorizzazione: il recupero di beni archeologici” e in settembre “Conestabile e la pittura etrusca: i disegni delle tombe Golini”. In ottobre mostra sulla ceramica attica. Sempre in ottobre sarà presentata la nuova guida del museo.

In novembre mostra sui reliquiari conservati al MANU. Come nel 2017, anche quest’anno è inoltre in cantiere in luglio una serata in occasione di Umbria Jazz con laboratorio musicale. Sempre per restare in ambito musicale, da lunedì 26 marzo a giovedì 29 concerti di “piccoli musicisti” con l’associazione ASSIOMI, giovedì 5 aprile esibizione di cori per le scuole e sabato 7 aprile incontro internazionale dei direttori dei cori. Giovedì 9 agosto, infine, “Museo sotto le stelle” con letture e dissertazioni di Maurizio Caselli.

E veniamo al Museo archeologico nazionale di Orvieto (piazza Duomo). Anche qui si svolgeranno diverse visite guidate a tema con i volontari del servizio civile. In particolare, giovedì 8 marzo, giornata della donna, alle ore 10 visita ai reperti raffiguranti la donna nel mondo etrusco, domenica 20 maggio, per la “Notte dei musei”, alle tombe Golini e a luglio con Simonetta Stopponi. Lunedì 19 marzo, per la ricorrenza di san Giuseppe, patrono di Orvieto, sarà presentato il nuovo allestimento delle terrecotte architettoniche del tempio di Belvedere e della sezione di Campo della Fiera. In aprile mostra sulla ceramica attica “ I grandi maestri greci della ceramica attica”con vasi del museo archeologico di Orvieto e di Perugia. Al termine l’esposizione sarà trasferita a Perugia, al Museo archeologico nazionale dell’Umbria. Venerdì 9 marzo, alle ore 21, è previsto un concerto di giovani musicisti e un altro giovedì 21 giugno per la “Festa della musica” .

In maggio gli studenti saranno impegnati con caccia al tesoro al museo e in agosto, invece, si svolgerà una serata di letture e dissertazioni “sotto le stelle”. Sabato 8 settembre presentazione nuovi percorsi e attività svolte dai volontari della protezione civile mentre lunedì 24 e martedì 25 settembre, giornate del patrimonio, si parlerà del vino nell’antichità con letture e dissertazioni a cura di Paolo Braconi.

In ottobre presentazione della nuova guida al museo. Va ricordato, infine, che è stato elaborato un progetto di valorizzazione delle tombe Golini inserito in Art Bonus del MiBACT.

share

Commenti

Stampa