Lotta alla processionaria del pino, emanata ordinanza - Tuttoggi

Lotta alla processionaria del pino, emanata ordinanza

Redazione

Lotta alla processionaria del pino, emanata ordinanza

Ven, 18/03/2022 - 11:43

Condividi su:


Nel territorio comunale di Gualdo Tadino è stata riscontrata la presenza di numerosi focolai, ecco cosa fare per non cadere in sanzioni fino a 500 euro

Lotta contro la processionaria del pino “Traumatocampa pityocampa” a Gualdo Tadino, dove il Comune ha emanato un’ordinanza specifica a difesa delle specie arboree pubbliche e private.

Il proliferare della “Processionaria del Pino” rappresenta infatti un rischio di carattere sanitario, a seguito del contatto diretto con le larve, oppure in conseguenza della dispersione dei peli urticanti di queste ultime nell’ambiente, che può portare a irritazioni epidermiche o reazioni allergiche/infiammatorie a livello delle prime vie respiratorie, con possibili episodi nei riguardi di individui particolarmente sensibili o nei confronti degli stessi animali domestici.

Dato che nel territorio comunale gualdese è stata riscontrata la presenza di numerosi focolai di Processionaria del pino, l’ordinanza del sindaco vuole adottare opportuni interventi per combattere e/o prevenire l’infestazione.

L’atto ordina infatti a tutti i proprietari di aree verdi e/o agricole ed agli amministratori di condominio che abbiano in gestione aree verdi private, di “effettuare tutte le opportune verifiche ed ispezioni sugli alberi a dimora nelle loro proprietà, al fine di accertare la presenza dei nidi di Processionaria del Pino (Traumatocampa pityocampa), Processionaria della Quercia (Thaumetopoea processionea) e di Euprottide (Euproctis chysorrhoea – Linnaeus)“.

Dette verifiche – si legge nel documento – dovranno essere effettuate con maggiore attenzione sulle specie di alberi soggette all’attacco degli infestanti; tutte le specie di pino e di quercia ed in particolare pino silvestre (Pinus sylvestris), pino nero (Pinus nigra), pino strobo (Pinus strobus) per la Processionaria; tutte le specie arboree ed in particolare quercia, olmo, carpino, tiglio, salice, castagno, robinia e piante da frutto per l’Euprottide.

Nel caso si riscontrasse la presenza dei nidi di processionaria e/o euprottide, si dovrà immediatamente intervenire con la rimozione e la distruzione degli stessi e con l’attivazione della profilassi, “rivolgendosi a ditte specializzate. E’ fatto divieto assoluto di depositare rami con nidi di processionaria o euprottide sulla pubblica via e di conferire gli stessi allo smaltimento tramite i servizi di nettezza urbana, nonché di trasportarli presso l’Ecocentro comunale”.

Le spese per gli interventi sopracitati saranno a totale carico dei proprietari interessati. Ai sensi dell’art.7-bis del D.Lsg 267/2000 i trasgressori saranno puniti con una sanzione amministrativa da un minimo di 25 euro ad un massimo di 500 euro.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!