L'Onorevole Giulietti e il Tenente Zago in visita all'ospedale di Gubbio - Gualdo Tadino / FOTO - Tuttoggi

L'Onorevole Giulietti e il Tenente Zago in visita all'ospedale di Gubbio – Gualdo Tadino / FOTO

Redazione

L'Onorevole Giulietti e il Tenente Zago in visita all'ospedale di Gubbio – Gualdo Tadino / FOTO

Ven, 08/11/2013 - 19:13

Condividi su:


L'Onorevole Giulietti e il Tenente Zago in visita all'ospedale di Gubbio – Gualdo Tadino / FOTO

Questa mattina l'on. Giampiero Giulietti ha fatto visita insieme al neo comandante della Compagnia carabinieri di Gubbio, il tenente Pier Giuseppe Zago, all'ospedale comprensoriale di Gubbio – Gualdo Tadino.
Accompagnato dal direttore di presidio dott.ssa Teresa Tedesco e dal direttore sanitario dott. Diamante Pacchiarini, il deputato ha visitato i vari reparti del noscomio, nato nel 2008 dalla fusione degli ospedali cittadini di Gubbio e di Gualdo Tadino.
“L'ospedale comprensoriale di Branca si inserisce perfettamente nel sistema sanitario dell'Alta Umbria che contribuisce ad arricchire con servizi d'eccellenza come il Centro regionale fibrosi cistica e il Centro Ictus – ha dichiarato l'on. Giulietti – E' una struttura che si è potenziata anno dopo anno e che oggi riesce ad offrire ai tanti pazienti provenienti dall'Alto Chiascio e non solo servizi di qualità grazie all'impegno e alla dedizione del personale medico e paramedico e alla stretta collaborazione delle associazioni di volontariato che costituiscono un valore aggiunto per la sanità locale. Inoltre il nosocomio di Gubbio-Gualdo Tadino è caratterizzato da una profonda umanità che consente a chi vi accede per un intervento chirurgico o per una visita specialistica di sentirsi prima di tutto una persona, con i suoi bisogni e le sue esigenze, e non semplicemente un paziente. Credo quindi che il presidio comprensoriale di Gubbio-Gualdo Tadino, insieme a quello di Città di Castello – Umbertide, costituisca una grande ricchezza per l'Alta Umbria, a garanzia del diritto alla salute dei cittadini, diritto che va tutelato e sostenuto”.

Leggi anche:

Riproduzione riservata


Condividi su:


Aggiungi un commento