Leucemie, l’appello dei medici per un acceleratore lineare

Leucemie, l’appello dei medici per un acceleratore lineare

Redazione

Leucemie, l’appello dei medici per un acceleratore lineare

Mer, 26/04/2023 - 16:04

Condividi su:


Il Forum al Chianelli, Mecucci: in lista di attesa pazienti che rischiano di morire se non verranno sottoposti a trapianto

“Acquistare immediatamente un nuovo Acceleratore lineare per la Radioterapia, fondamentale per la preparazione dei pazienti malati di leucemie acute al trapianto di midollo osseo”. Un appello forte, carico di grande preoccupazione, quello fatto dai primari delle Strutture complesse di Ematologia e trapianto di midollo osseo, Cristina Mecucci, di Radioterapia oncologica, Cynthia Aristei e di Oncoematologia pediatrica, Maurizio Caniglia insieme al presidente del Comitato per la vita Franco Chianelli.

Nel corso del Forum che si è tenuto al Residence “Daniele Chianelli” sono stati illustrati gli straordinari risultati del lavoro svolto dalla equipe della professoressa Mecucci il team trapiantologico dell’Ematologia di Perugia, ha dimostrato, infatti,  come ben il 75% dei pazienti affetti da leucemia mieloide acuta ad alto rischio e trapiantati da familiare parzialmente compatibile siano guariti. Questa sopravvivenza è nettamente superiore a quella del 45% usualmente descritta nei Centri Europei e Nordamericani ed è dovuta essenzialmente alla bassissima incidenza di recidive (appena il 10%) nella casistica di Perugia (contro circa il 40% della letteratura). Sulla base di questi risultati, si è deciso di applicare la stessa strategia trapiantologica anche ai trapianti da donatore familiare compatibile e da donatore volontario compatibile da Registro. I risultati iniziali sono ancora più eclatanti e fanno prevedere una sopravvivenza priva di malattia di circa il 90%. Una delle armi vincenti per questo particolare trapianto, i cui risultati sono stati presentati in questi giorni dal Gruppo guidato dalla dottoressa Alessandra Carotti, è costituita anche da una particolare macchina di radioterapia che la professoressa Cynthia Aristei, Direttore della Radioterapia Oncologica dell’Università e dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, impiega per trattare il paziente immediatamente prima del trapianto con il fine di facilitarne l’attecchimento e contribuire a distruggere la leucemia. Contrariamente ai comuni acceleratori lineari che irradiano tutto il corpo, questo strumento è incredibilmente preciso nella sua azione. Irradia potentemente tutte le ossa e quindi il midollo con le cellule leucemiche ivi contenute. Al contempo il danno a tutti gli altri organi e tessuti dell’organismo è fortemente ridotto. Ne trae beneficio l’intera procedura trapiantologica che risulta essere molto meno tossica. Ciò consente di estendere il trapianto salva-vita anche ai pazienti di 60-70 anni. Purtroppo, nonostante l’impegno del personale della Radioterapia Oncologica, possono essere fatti solo 2 trapianti al mese contro un’esigenza di 4-5 trapianti. “Per questo – è stato spiegato nel corso del Forum dalla professoressa Mecucci – si crea una lista d’attesa di pazienti a cui non possiamo dare una data e una situazione di grande difficoltà per i pazienti con leucemia acuta che nell’attesa di un trapianto possono recidivare, aggravarsi, morire. Una condizione insostenibile anche per i medici sul campo, che lavorano incessantemente, per far fronte a situazioni drammatiche in una condizione di costante ansia e grande difficoltà”. Gli ultimi due anni, i Direttori dell’ Ematologia con Trapianto di Midollo osseo, dell’ Emato-Oncologia Pediatrica e della Radioterapia Oncologica hanno più volte segnalato ai  massimi vertici regionali il rischio che si corre nell’ avere un’unica apparecchiatura di questo tipo e la possibilità che un guasto possa verificarsi in una strumentazione che oramai risente dell’uso intenso a cui è stata sottoposta in questi ultimi dieci 10 anni. Un appello a cui si è unito con grande passione anche il presidente del comitato per la vita “Daniele Chianelli” che nel suo intervento è voluto essere molto chiaro: “Non posso accettare che la vita delle persone venga messa a rischio non acquistando questo macchinario fondamentale per salvare bambini, ragazzi e adulti malati di patologie gravissime che potrebbero guarire definitivamente. Il valore della vita non ha prezzo. E noi non ci fermeremo, siamo pronti a scendere in piazza con i malati e i loro familiari”.

Al Forum, coordinato dal giornalista Leonardo Malà, hanno partecipato medici, persone comuni che hanno voluto condividere la battaglia del Comitato Chianelli e dei primari per l’acquisto dell’acceleratore lineare. Presenti anche numerose autorità tra cui l’assessore Cicchi, il questore di Perugia Bellassai e il Generale Iorio, comandante della Legione Umbria dei Carabinieri. In rappresentanza della Regione il direttore il direttore generale alla Sanità Massimo D’angelo che alla fine della giornata ha promesso: acquisteremo il macchinario al più presto.

ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_perugia

    L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

    true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!