“Lega pagherà in 80 anni, applichiamo stesso principio a Comuni”, la proposta di Presciutti

“Lega pagherà in 80 anni, applichiamo stesso principio a Comuni”, la proposta di Presciutti

Il sindaco di Gualdo Tadino fa riferimento alla dilazione dei 49 milioni sequestrati al partito del Carroccio e scrive all’Anci “Rateizziamo anche gli interessi passivi sui mutui dei Comuni, si potrebbero avere importanti risorse”

share

Ha preso spunto da un fatto attualissimo, Massimiliano Presciutti, per lanciare una proposta molto particolare indirizzata al presidente nazionale Antonio Decaro e a quello umbro Francesco De Rebotti di Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani).

Il sindaco di Gualdo Tadino è partito infatti dalla sentenza della Procura di Genova che, nei giorni scorsi, ha previsto una dilazione di circa 80 anni per il versamento a ritorno dei fondi sequestrati alla Lega, ovvero rimborsi elettorali per 49 milioni di euro. Da questo fatto Presciutti ha elaborato la sua provocazione: “Se il principio vale per un partito, credo che a maggior ragione il medesimo possa e debba essere applicato anche agli oltre 8000 Comuni d’Italia e ai 92 dell’Umbria. L’Anci si faccia promotrice di un confronto con la Cassa Depositi e Prestiti, ente pubblico nei confronti dei quali pressoché tutti i Comuni italiani vantano debiti”.

Il sindaco ha portato ad esempio soprattutto il Comune che amministra, Gualdo Tadino, che paga circa 1 milione di euro l’anno di interessi passivi sui mutui e ha un debito residuo di circa 19 milioni con la Cassa Depositi e Prestiti. “Qualora lo stesso identico trattamento ottenuto dalla Lega – scrive Presciutti ai vertici Anci – venisse concesso anche al mio Comune e a tutti i Comuni italiani, si potrebbero avere importanti risorse disponibili che personalmente utilizzerei fin da subito per abbattere il carico fiscale sui miei cittadini e su un aumento delle risorse a favore delle situazioni di difficoltà”.

Mentre nel caso della Lega si tratta in maniera espressa di somme introitate in modo illecito – conclude Presciutti – per quanto riguarda i Comuni parliamo di mutui accesi per opere di pubblica utilità al servizio dei cittadini“.

share

Commenti

Stampa