Le lezioni di fitness di Chiara Landonio diventano un must: "Grande affetto, ora il Coni tuteli il nostro settore" - Tuttoggi

Le lezioni di fitness di Chiara Landonio diventano un must: “Grande affetto, ora il Coni tuteli il nostro settore”

Redazione

Le lezioni di fitness di Chiara Landonio diventano un must: “Grande affetto, ora il Coni tuteli il nostro settore”

La richiesta di garanzie per il settore. Le sue lezioni social hanno raccolto successo e seguito di migliaia di persone
Lun, 30/03/2020 - 11:11

Condividi su:


Le lezioni di fitness di Chiara Landonio diventano un must: “Grande affetto, ora il Coni tuteli il nostro settore”

Migliaia di visualizzazioni ogni diretta, una carica che ha stravolto il mestiere e un vero movimento al suo seguito, che non manca di accompagnarla con una marea di messaggi di incoraggiamento. Lei è Chiara Landonio, istruttrice di fitness in una delle palestre più in voga di Foligno e ora, con tutti i centri dedicati allo sport chiusi, diventata sua star social.

Il successo dei social

Chiara Landonio è milanese, ma umbra d’adozione e i suoi appuntamenti son ormai un must. “Di colpo ci siamo ritrovati nell’incubo di tutti gli istruttori – dice – con le palestre che chiudono e tu che resti a piedi. Dopo due tre giorni di stop ho iniziato a fare queste dirette e la cosa è esplosa. Ho aperto il mio profilo a tutti e mi sono ritrovata ad avere, di colpo, 400 richieste d’amicizia di persone che neanche conoscevo. Mi segue gente dalla Sardegna, dalla Campania…“.

Gli allenamenti

Gli appuntamenti sono il lunedì, il mercoledì, il venerdì e la domenica mattina. “Mi hanno commosso i tanti messaggi e le tante attestazioni di stima“. Di certo lo sport aiuta a sopportare la quarantena: “Serve a chi soffre di stress, agli iperattivi, o a chi ha ansia“. Nello specifico, le lezioni di Chiara sono tre metaboliche a circuito, secondo il trend dei nuovi allenamenti e la domenica stretching. “Mi preoccupo di essere più chiara possibile nelle spiegazioni – racconta – e mi preoccupo che tutti lavorino in sicurezza. Spesso prevedo le domande e i dubbi che potrebbero sorgere ed è come se li vedessi lavorare…“.

“Il Coni faccia di più”

Chiara Landonio si preoccupa però anche del settore: “Credo che il Coni dovrebbe fare di più – dice – perché in questo momento troppi sono senza tutele e continuano invece a mantenere il contatto con i clienti grazie ai mezzi tecnologici“.