Lampada della Pace ai Reali di Giordania, l'annuncio durante il concerto di Natale con José Carreras - Tuttoggi

Lampada della Pace ai Reali di Giordania, l’annuncio durante il concerto di Natale con José Carreras

Flavia Pagliochini

Lampada della Pace ai Reali di Giordania, l’annuncio durante il concerto di Natale con José Carreras

VIDEO Il concerto dedicato all’Europa e a quanto accaduto in questi giorni a Strasburgo | Tra gli ospiti il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani
Sab, 15/12/2018 - 12:10

Condividi su:


Saranno i reali di Giordania, Re Abd Allah II e la Regina Raina di Giordania, “che si distinguono nel panorama mediorientale e nel mondo per la loro azione di governo tesa a promuovere i diritti umani e l’armonica convivenza sociale, ad esempio tramite le politiche per l’educazione, il rispetto della libertà religiosa, il riconoscimento delle minoranze, l’accoglienza dei profughi“, a ricevere la Lampada della Pace 2019.

Dopo Juan Manuel Santos, premio Nobel per la Pace (“Per il duro lavoro svolto e gli sforzi risoluti nel portare la pace nel suo paese”, raggiungendo un accordo con le Farc), e Angela Merkel, cancelliera tedesca che nel 2015 ha spalancato le porte della Germania ai profughi siriani, nel 2019 la Lampada della Pace appunto ai due reali che, ha detto il custode del Sacro Convento, padre Mauro Gambetti, arriveranno ad Assisi in primavera. D’altronde i frati avevano annunciato lo sguardo rivolto anche a chi lavora per l’accoglienza e la promozione dei diritti umani.

L’annuncio è arrivato durante la registrazione del concerto di Natale da Assisi nella Basilica di San Francesco che sarà poi trasmesso in Eurovisione il 25 dicembre alle 12.30 su Rai1 dopo la benedizione Urbi et Orbi di Papa Francesco. Ma Gambetti, dopo i tragici fatti di Stradburgo, ha parlato anche di Europa: “La miseria nel mondo – ha detto Gambetti – va contrastata, anzi, va risolta; e molto, a mio avviso, può fare la nostra Europa. La povertà invece deve rimanere come una possibilità che la legislazione dovrebbe tutelare. La povertà può suscitare reazioni contrastanti: vicinanza e solidarietà, cura e responsabilità, scherno e repulsione, paura e indifferenza. Il primo insieme di atteggiamenti ci è parso di riconoscerlo nell’operato dei reali di Giordania”, da qui il riconoscimento.

“Il secondo insieme di atteggiamenti – ha aggiunto Gambetti – lo assumono alcuni potenti e ricchi di questo mondo, che si adoperano per contrastare non tanto la povertà, ma i poveri, sino a eliminarli. In occidente – per il Custode – si è insinuato un nuovo mantra economico e culturale  a un tempo, ancor più ingannevole e dannoso delle vecchie idee di progresso e di crescita illimitata: creare valore. Da qui alla rimozione di ciò che è considerato senza valore il passo è breve, con azioni di ‘pulizia’ votate alla realizzazione di una società del benessere asettica e ideale, senza fragilità, senza inestetismi, senza confini di natura. La realtà – ha concluso il Custode – è complessa. L’Europa, nei suoi organismi si rappresentanza, forse ha ancora la capacità e gli strumenti per una lettura critica e per tracciare una nuova via di sviluppo. A Natale, il verbo eterno del Padre, in uno slancio d’amore senza misura e senza tempo, assume la condizione umana . Dalla fraternità del Sacro Convento,buon Natale a tutti”.

Dopo – tra gli altri – Andrea Bocelli, Placido Domingo, Ennio Morricone e Michael Bolton, il concerto di Natale dei frati di Assisi ha visto esibirsi dei più grandi tenori al mondo, Josè Carreras, diretto dal Maestro David Giménez. Ad accompagnare l’artista l’Orchestra sinfonica nazionale della Rai, il coro di voci bianche de “I piccoli musici”, e il coro maschile “Coenobium Vocale”.

Un evento rivolto, nel pensiero e nelle preghiere del Convento, all’Europa e alle vittime dell’attentato terroristico dell’11 dicembre: “Prima dell’inizio di questo concerto – ha detto Padre Gambetti – vogliamo ricordare quanti hanno perso la vita nei tragici eventi di Strasburgo e in particolare il nostro connazionale Antonio Megalizzi. Il giovane giornalista è stato ricordato a margine del concerto anche Antonio Tajani, presente al concerto come “vittima innocente dell’ odio antieuropeo del terrorismo fondamentalista”.

Al concerto hanno partecipato il Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, il sottosegretario agli Interni, Stefano Candiani, il segretario alla Presidenza del Senato, Francesco Maria Giro, la Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, il Presidente della Rai, Marcello Foa, il Direttore di Rai1, Teresa De Santis, il Legato Pontificio per la Basilica di San Francesco, Card. Agostino Vallini, e il Nunzio Apostolico in Italia, Mons. Emil Paul Tscherrig. Presenti anche amministratore delegato delle Ferrovie Gianfranco Battisti e amministratore delegato di Terna, Luigi Ferraris. Il Concerto di Natale che è promosso dal Sacro Convento di Assisi, dalla Rai e da Intesa Sanpaolo ha avuto in omaggio gli addobbi floreali, offerti dal comune di Viareggio.

“Per questo Natale – ha detto padre Enzo Fortunato, direttore della Sala stampa del Sacro Convento  di Assisi – dobbiamo fermarci un attimo. L’uomo di oggi ha perso la sua bussola più preziosa, il rapporto con il tempo. Siamo deboli, fragili, aggrappati all’inseguimento degli istanti e degli istinti. Rischiamo di vivere un tempo senza memoria, senza slanci, un tempo che diventa liquido ed evapora nell’affanno dell’ottimo breve, anzi brevissimo, che è il presente. Auspico che il Natale illumini le nostre strade e ci renda quelli che non hanno paura del buio, proprio perché dentro la notte, per chi spera, c’è un mondo in stato di febbrile e appassionata attesa”.

(Si ringrazia rivista San Francesco per la gentile concessione del video)

Aggiungi un commento