Lago di Pilato, poca acqua per colpa di clima e terremoto | Foto - Tuttoggi

Lago di Pilato, poca acqua per colpa di clima e terremoto | Foto

Redazione

Lago di Pilato, poca acqua per colpa di clima e terremoto | Foto

Il lago di Pilato sempre più asciutto, appello a non avvicinarsi per salvaguardare il Chirocefalo del Marchesoni. Le possibili soluzioni
Dom, 31/05/2020 - 10:48

Condividi su:


Lago di Pilato, poca acqua per colpa di clima e terremoto | Foto

Dopo l’allarme di un suo prosciugamento, poi scampato, il Lago di Pilato continua ad essere sotto monitoraggio.

Negli ultimi anni, infatti, si è registrata una crisi idrica importante che determina, con frequenza maggiore, l’abbassamento del livello delle acque del lago a forma di occhiale situato a poca distanza dal confine umbro.

Le ragioni sono diverse, ed il Parco Nazionale dei Monti Sibillini si è subito attivato per un monitoraggio costante dello specchio d’acqua cercando di preservarne l’integrità.

Il Chirocefalo del Marchesoni, che vive solo nel lago di Pilato

In quell’habitat infatti vive il Chirocefalo del Marchesoni, un piccolissimo crostaceo che ha scelto da tempo immemore il lago di Pilato come sua unica dimora.

Per garantirne la sopravvivenza è fondamentale non avvicinarsi alle sponde dell’invaso e, qualora le acque risultassero assenti come successo più volte in estate, è vietato calpestarne la superficie, perché lì si annidano le uova del Chirocefalo, capaci di resistere a periodi di siccità ma non, ovviamente, ai comportamenti sbagliati di persone incaute.

Meno acqua dopo il terremoto del 2016

Un ruolo nell’implementare le conseguenze nefaste dei cambiamenti climatici che sono alla base della crisi idrica è stato giocato anche dal terremoto del 2016. Secondo uno studio dell’ISPRA, ente pubblico di protezione e ricerca ambientale, l’analisi dei dati pre e post sisma ha permesso di verificare come sia aumentata la velocità di infiltrazione delle acque del lago di Pilato nel sottosuolo. Questo per una probabile variazione di permeabilità dovuta appunto agli effetti del terremoto.

Bifulco “Cautela e attenzione”

Occorre cautela ed attenzione” sottolinea Carlo Bifulco, direttore del Parco. “Temevamo questo scenario, amplificato dal sisma del 2016. Dobbiamo tutelare la specificità del lago di Pilato non solo dal punto di vista paesaggistico quanto piuttosto da quello faunistico data la presenza nelle sue acque del Chirocefalo del Marchesoni. Raccomandiamo a chi decidesse di intraprendere un’escursione verso il lago di non avvicinarsi alle sue sponde e a quel che rimane dello specchio d’acqua rispettando un areale ampio poiché sotto quel pietrisco si nascondono le uova del piccolo crostaceo, in uno stadio di diapausa. Appena le condizioni ambientali miglioreranno, il percorso di sviluppo dell’animale riprenderà continuando ad assicurarne la millenaria presenza nel lago”.

I sopralluoghi sullo stato del lago di Pilato

In questi giorni avrebbe dovuto tenersi un sopralluogo nel sito, effettuato da tecnici del Parco, dell’ISPRA e dell’Università di Perugia. L’ISPRA si occupa degli aspetti idrogeologici, l’Università di Perugia di quelli legati all’habitat. “I sopralluoghi dell’ISPRA e dell’Università di Perugia sono solo rimandati, per ragioni logistiche, di qualche giorno” prosegue Bifulco “mentre l’altro ieri i nostri tecnici, insieme ad alcune guide del Parco e ai carabinieri forestali, sono saliti al lago per prenderne visione e documentare la situazione in cui si trova”.

Meno piogge e neve e il lago di Pilato è sempre più asciutto: cosa fare

Se il fattore sismico ha giocato un ruolo nell’abbassamento del livello delle acque, di certo il fattore climatico appare tuttavia preponderante. “Le scarse precipitazioni piovose e nevose di questi ultimi anni – continua Bifulco – hanno impedito il formarsi dei depositi di neve che alimentano il lago. In una prospettiva più ampia, una modalità efficace per affrontare l’emergenza climatica è cercare di implementare una forestazione intensiva delle aree marginali ed abbandonate per aumentare la capacità di intercettazione e ritenzione delle risorse idriche nel terreno e di assorbimento dell’anidride carbonica. È risaputo che la presenza di foreste migliora il clima poiché attenua le massime temperature e l’aridità conseguente. Il Parco, in questo senso, può giocare un ruolo come esempio virtuoso, ma è chiaro che l’azione deve riguardare aree fuori Parco. È lì che si giocherà la battaglia”.

Anche perché non è solo il lago di Pilato a soffrire di carenza idrica, ma diversi corsi d’acqua, sorgenti e l’intero ecosistema acquatico presente nel Parco e fuori. “Per cui tornare ad un uso consapevole dell’acqua – conclude Bifulco – sarà non più una scelta bensì una necessità”.

(Foto scattate nella giornata di giovedì 28 maggio dal biologo del PNMS, Alessandro Rossetti)


Condividi su: