La Villa dei mosaici diventa museo | Spello festeggia il suo "tesoro" - Tuttoggi

La Villa dei mosaici diventa museo | Spello festeggia il suo “tesoro”

Cristiana Mapelli

La Villa dei mosaici diventa museo | Spello festeggia il suo “tesoro”

All'inaugurazione del museo, oltre alle istituzioni, c'erano centinaia di spellani che hanno seguito il lungo restauro del ritrovamento avvenuto nel luglio del 2005
Dom, 25/03/2018 - 11:56

Condividi su:


È un eccezionale tesoro di archeologia la cui scoperta, nel luglio del 2005, ha cambiato la vita degli spellani. In questa area doveva essere costruito un grande parcheggio, di quelli capaci di contenere i tanti autobus e veicoli che raggiungono questa parte dell’Umbria per vedere le infiorate. Fino a quando gli operai al lavoro a sant’Anna, appena fuori dalle mura e dove sorgeva il vecchio campo da calcio, si accorgono dei mosaici nascosti da tre metri di depositi terreni.

Sabina Guiducci e Paola Bonacci, le due archeologhe dell’allora Soprintendenza archeologica dell’Umbria intervenute in quella calda estate di tredici anni fa, ricordano ancora quel giorno come se fosse ieri e che, forse, mai avrebbero pensato che quella scoperta casuale avrebbe portato, nel 2018, ad inaugurare un grande percorso museale attraverso le stanza di questa Villa Romana. Lo scavo ha messo in luce due fasi costruttive: la prima di età augustea (27 a.C.-14 d.C.), la successiva in piena età imperiale, verso la fine del II secolo d.C.

Gli spellani

Sabato, all’inaugurazione della nuova struttura, dopo il tendone temporaneo che per anni ha permesso di continuare lo studio proteggendo i professionisti all’opera e i ritrovamenti dalle intemperie, oltre le istituzioni coinvolte c’erano gli spellani che, passo passo, hanno seguito le lunghe fasi della scoperta dei mosaici della Villa romana. Con curiosità ed interesse, i cittadini di questo meraviglioso borgo ma anche delle frazioni limitrofe, si sono presentati puntuali al grande evento. Infatti, nel 2005, il ritrovamento dei resti romani causò anche qualche frizione tra l’amministrazione comunale di allora e i cittadini: la meravigliosa scoperta, bloccò i lavori di creazione dell’area di sosta pochi metri fuori dalle mura. Comune, Regione, Sovrintendenza e Ministero, ora lo possiamo dire, impegnando risorse e tempo, vinsero una scommessa per la città e per l’Umbria.

La Villa

I venti ambienti riportati alla luce sono pertinenti al settore centrale della villa, per una superficie totale di circa 500 metri quadrati. Di questi ambienti, dieci conservano pavimenti a mosaici policromi di grande bellezza, con motivi geometrici e figurati. L’ingresso è andato perduto. Intorno al peristilio, il cortile porticato che circondava il giardino interno, si aprono una serie stanze, denominate dalle figure e dai motivi decorativi dei mosaici: la stanza degli uccelli, la stanza delle anfore, il triclinio, la stanza del sole radiante, la stanza del mosaico geometrico, il peristilio, la stanza degli scudi e l’ambiente riscaldato.

Tra le stanze spicca l’ampio triclinio, la sala dei banchetti, con al centro del pavimento una scena di mescita del vino. Altri personaggi, disposti simmetricamente, raffigurano le Stagioni, associate a figure di Satiri del corteo dionisiaco (Bacco), come allusione al benessere, al buon raccolto e al godimento.


>>> Guarda le foto dei mosaici


L’inaugurazione

La Regione – ha detto la presidente Marini all’inaugurazione del sito museale – ha fortemente investito sulla cultura come pilastro della crescita economica. Oggi, alla soddisfazione di portare a termine un intervento esemplare di recupero di una delle principali scoperte archeologiche degli ultimi mesi, si accompagna la consapevolezza che gli investimenti sulla filiera del turismo ambiente e cultura hanno delle ricadute anche per lo sviluppo economico di molte professioni“. Concludendo, la governatrice dell’Umbria ha sottolineato che “Il progetto del Museo della Villa dei mosaici di Spello per la sua realizzazione ha potuto contare su una collaborazione interistituzionale che ha portato al reperimento e all’integrazione delle risorse economiche necessarie per lo sviluppo di una operazione progettuale complessa e sfidante“.

Per il restauro, la Regione ha concesso un primo finanziamento nel 2010 all’interno del bando integrato collettivo del Tac 2. Questo primo stralcio, interamente realizzato, per un costo complessivo di 2 milioni di euro, ha previsto la costruzione di un edificio a scopo museale e didattico, con superficie coperta di circa 1.550 metri quadrati, a protezione dei resti della Villa, sulla base di un piano finanziario a copertura di un intervento che ha assicurato una prima funzionalità e visitabilità del sito archeologico.  All’inaugurazione  sono intervenuti Moreno Landrini Sindaco Comune di Spello, Marica Mercalli Soprintendente Archeologia, Belle arti e Paesaggio dell’Umbria, Marcello Barbanera Sapienza Università di Roma – Dipartimento di Scienze dell’Antichità, Alfio Barabani Architetto progettista e direttore dei lavori, Marco Tortoioli Ricci Direttore artistico Comodo – Metodologia del Progetto Isia Urbino.

Circuito Terre Musei

La Villa romana si va ad inserire nel biglietto unico che garantisce l’accesso a tutti i musei di dodici comuni umbri per un totale di 17 siti museali. Amelia, Bettona, Bevagna, Cannara, Cascia, Deruta, Marsciano, Montefalco, Spello, Montone, Trevi, Umbertide, in un viaggio alla scoperta della storia popolare dell’etnografia, dell’artigianato locale e di autentici capolavori dell’arte italiana.

L’infiorata

Per celebrare l’inaugurazione della Villa dei Mosaici di Spello un gruppo di circa venti infioratori ha realizzato  un’infiorata di 10 metri quadrati all’interno della nuova e moderna struttura museale, che conserva la residenza della Roma imperiale casualmente scoperta tredici anni fa in località Sant’Anna. L’opera floreale è stata realizzata nella serata di venerdì su un bozzetto disegnato da Gianni Donati, infioratore e membro del consiglio direttivo dell’Associazione Le Infiorate di Spello. Il disegno raffigura sulla sinistra il mondo antico romano, con un console romano in primo piano davanti ai mosaici della Villa. A destra, invece, è raffigurato il mondo modernocon un infioratore intento a posizionare una rosa ai piedi di una cascata di fiori che nasce dal logo delle Infiorate di Spello. Lungo la cascata di fiori due figure con zaino in spalla, che rappresentano il FAI, passeggiano e ammirano lo sfondo in cui sono riportati elementi architettonici della città di Spello. Infine, in alto a destra, un’esplosione di stelle richiama la Comunità Europea, che molto ha contribuito al restauro dei mosaici della villa.

 

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!