La Regione passa anche i treni all'Agenzia unica mobilità

La Regione passa anche i treni all’Agenzia unica mobilità

Redazione

La Regione passa anche i treni all’Agenzia unica mobilità

Mar, 28/06/2022 - 14:45

Condividi su:


Melasecche: "Risparmi di 400mila euro" | Entro dicembre la gara per l'affidamento diretto decennale del servizio

La Regione passa anche i treni all’Agenzia unica mobilità. A partire dal 1° luglio, infatti, l’Agenzia unica per la mobilità ed il trasporto pubblico locale subentrerà alla Regione Umbria anche nella titolarità, gestione, controllo, verifica e monitoraggio del contratto di servizio in essere per il trasporto  pubblico ferroviario di interesse regionale e locale, sottoscritto con Busitalia Sita Nord S.r.l. fino al 31/12/2022. Termine entro il quale è previsto lo svolgimento della procedura di gara prevista per l’affidamento del servizio di trasporto pubblico ferroviario, mediante affidamento diretto decennale dei servizi ferroviari  all’operatore che, sulla base di specifiche verifiche, risulterà il migliore soggetto in grado di  svolgere il ruolo di capofila di una pluralità di imprese del gruppo Ferrovie dello Stato, per  l’implementazione della strategia di rilancio complessiva promossa dall’Amministrazione  regionale.

Melasecche: “Risparmi di 400mila euro”

E’ quanto prevede la delibera approvata dalla Giunta regionale, nella sua ultima seduta, sui proposta dell’assessore alle infrastrutture e trasporti Enrico Melasecche. “Prosegue così il percorso virtuoso intrapreso dalla Giunta regionale per il miglioramento del servizio di trasporto pubblico in Umbria – afferma l’assessore – che ci permetterà anche di dare una sistemata ai conti economici del settore con evidenti benefici sia nei bilanci degli enti pubblici che nelle tasche dei cittadini. Già con questi trasferimenti di contratti stiamo concretamente verificando e registrando notevoli risparmi nei costi. Soltanto sull’Iva il risparmio è del dieci per cento e con questa delibera di trasferimento del contratto del trasporto su ferro, ad esempio, andiamo a risparmiare circa quattrocentomila euro nei sei mesi del periodo luglio-dicembre 2022″.

“Naturalmente – sottolinea l’assessore Melasecche – fino al 31/12/2022, la gestione del contratto di servizio per il trasporto pubblico  ferroviario di interesse regionale e locale dovrà necessariamente  coinvolgere gli uffici regionali e, a tal proposito, verrà confermata la presenza dei  rappresentanti della Regione Umbria in seno al Comitato Tecnico di Gestione, così come le scelte strategiche in materia di mobilità e trasporti, rimangono di competenza  della Regione Umbria che le esercita per il tramite del Servizio Infrastrutture per la Mobilità e  trasporto pubblico”. 

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!