La Confcommercio porta in dono la pista di ghiaccio e le luci sul Topino

La Confcommercio porta in dono la pista di ghiaccio e le luci sul Topino

Il presidente Aldo Amoni annuncia anche un luna park in centro ed un nuovo albero di Natale | Ecco tutte le novità in programma

share

Ancora novità e ancora ‘regali’ per il Natale a Foligno che quest’anno – alla faccia della crisi – vede la sinergia di diverse manifestazioni per allietare il periodo delle festività natalizie.

Dopo la presentazione e l’istallazione del Babbo Natale più grande d’Europa da parte di Confesercenti, la scorsa settimana, a portare ulteriori e diverse novità alla città della Quintana è la Confcommercio di Foligno, guidata dal vulcanico Aldo Amoni che nella mattina del 6 dicembre, a Palazzo Comunale, ha presentato le iniziative del cartellone natalizio.

Sotto l’albero della Confcommercio ci saranno: una pista del ghiaccio in piazza Matteotti, un piccolo luna park nella parte bassa della stessa piazza Matteotti e un nuovo albero di Natale.

Soddisfazione è stata espressa anche per gli addobbi luminosi, che sono stati allestiti in tutte le vie del centro storico e in alcune piazze, con un’iniziativa speciale: l’illuminazione artistica del ponte di Porta Firenze sul fiume Topino. Un’operazione mai fatta prima che ha raccolto apprezzamenti unanimi in un città che non risparmia di certo critiche.

La pista del ghiaccio sarà allestita a partire da lunedì prossimo mentre l’accensione delle luminarie è avvenuta ieri, in vista del lungo week end.

E dato che il Natale rende tutti più buoni, arriva la mano tesa verso l’iniziativa di Confesercenti che – secondo lo stesso Aldo Amoni – “può crescere” e come rilevato dall’assessore allo sviluppo economico Giovanni Patriarchi le due associazioni di categoria locali hanno messo in atto una “collaborazione indiretta” per il cartellone natalizio.

Foligno si gioca la sue carte per tornare ai tempi d’oro di ‘capitale commerciale’. Centri commerciali e shopping on-line incalzano, ma la magia e le potenzialità di un centro storico non hanno comunque rivali.

share

Commenti

Stampa