Insetto nel cibo a scuola, Comune chiede chiarimenti - Tuttoggi

Insetto nel cibo a scuola, Comune chiede chiarimenti

Redazione

Insetto nel cibo a scuola, Comune chiede chiarimenti

Parla l'istituto De Filis: "Noi parte lesa" | L'assessore De Angelis: "Pronti ad un'ispezione sull'intera filiera del servizio di refezione scolastica e ad eventuali sanzioni"
Gio, 06/04/2017 - 15:55

Condividi su:


Insetto nel cibo a scuola, Comune chiede chiarimenti

L’assessorato alla Scuola ha già chiesto spiegazioni alla ditta che fornisce i pasti, siamo inoltre pronti a una ispezione di tutto il servizio di ristorazione così come ad applicare eventuali sanzioni previste dal capitolato d’appalto”. E’ quanto evidenzia dichiara l’assessore alla Scuola Tiziana De Angelis in merito ad un episodio che sarebbe avvenuto nei giorni scorsi all’istituto comprensivo De Filis, dove all’interno di un pasto sarebbe stato trovato un insetto.

Chiesti chiarimenti – “Relativamente agli accadimenti avvenuti all’istituto comprensivo De Filis, riguardanti il servizio mensa – aggiunge l’assessore – assicuro che gli uffici comunali si sono già attivati per chiedere formalmente spiegazioni e controdeduzioni alla ditta fornitrice. In particolare è stato chiesto se e come sono state applicate le procedure di autocontrollo Haccp previste e le azioni correttive immediatamente intraprese dopo l’episodio, la marca del prodotto interessato e la bolla di consegna del prodotto. Siamo pronti, qualora fosse necessario, a dar luogo ad un’ispezione sull’intera filiera del servizio di refezione scolastica dalla predisposizione dei pasti, alla distribuzione e alla somministrazione degli stessi. Siamo altresì pronti ad applicare tutte le sanzioni previste dal capitolato se ne emergeranno i presupposti. A fronte di quasi 500mila pasti che ogni anno il Comune di Terni assicura per le scuole di propria competenza, l’assessorato si prefigge un unico obiettivo quello di rafforzare la qualità e l’efficienza del servizio, di dar luogo a una ristorazione di qualità nella più ampia sicurezza possibile, comprendendo bene le preoccupazioni espresse dai genitori per un servizio di grande rilevanza sociale”.

Parla la scuola – Intanto sul fatto verificatosi martedì interviene anche l’istituto De Filis, che precisa “come tale servizio sia completamente gestito da un soggetto esterno, aggiudicatario in base a bando e delibera del Comune di Terni, per quanto riguarda la preparazione delle pietanze e la loro distribuzione agli studenti. Si sottolinea inoltre che in Istituto le pietanze giungono già cotte e non sono preparate in loco, ma solamente servite. Il centro cottura della società appaltante, inoltre, serve più Istituti, non solamente il nostro. L’Istituto, che usufruisce del servizio mensa, ha inoltre recentemente rinnovato completamente i locali in cui questa viene servita, garantendo un ambiente accogliente dove gli studenti pranzano insieme al personale docente. L’Istituto, relativamente al fatto in oggetto, ha quindi tempestivamente segnalato ai soggetti competenti (società appaltante del servizio mensa e Comune di Terni) tale problematica. L’Istituto infatti garantisce, secondo i propri doveri, ai propri studenti la pulizia degli ambienti scolastici e il controllo costante degli alunni durante il servizio mensa. Dei servizi operati da terzi, su incarico del Comune di Terni, non può e non deve rispondere, rilevando al contrario come tale servizio può costituire, qualora vi fossero inefficienze, elemento lesivo del buon nome della scuola”. La scuola, quindi, ribadisce come l’istituto, “al pari degli studenti e delle famiglie“, sia “soggetto leso dalla problematica dell’igiene delle pietanze del servizio mensa, evitando qualsiasi possibilità di fraintendimento ed operando le necessarie rettifiche, secondo quanto previsto dalla normativa giornalistica.


Condividi su:


Aggiungi un commento