Iniziati i festeggiamenti per il Capodanno cinese: il programma - Tuttoggi

Iniziati i festeggiamenti per il Capodanno cinese: il programma

Redazione

Iniziati i festeggiamenti per il Capodanno cinese: il programma

Due giorni di festa a Perugia per la "Luna nuova di Primavera"
Lun, 04/02/2019 - 15:14

Condividi su:


Iniziati i festeggiamenti per il Capodanno cinese: il programma

Con il brindisi degli studenti nella sede della associazione Omon (Sogno europeo) di via Bontempi sono ufficialmente iniziate le celebrazioni del Capodanno cinese a Perugia. Un brindisi augurale per la “Luna nuova di Primavera”, che si chiuderanno 15 giorni dopo con la Festa delle Lanterne.

Martedì 5 febbraio, invece, alle ore 16, Palazzo della Penna ospiterà il secondo evento in programma, alla presenza degli assessori comunali Teresa Severini, Dramane Waguè e Massimo Perari: un brindisi per l’anno nuovo preceduto da un momento musicale ad ingresso gratuito.

All’incontro, nato dalla collaborazione tra l’Associazione Omon, il Comune di Perugia, l’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci di Perugia e Munus Art & Culture, sarà presente anche Emma Xingyi Wang, che il 28 dicembre scorso ha ricevuto dal Presidente del Centro per la Pace di Assisi l’onorificenza di Cavaliere per il Millennio di Pace.
Grazie proprio ad Emma Xingyi Wang, la città di Perugia lo scorso novembre è stata ospite della settima edizione del Festival del Turismo della città cinese di Huangshan, città famosa per i suoi siti storici e naturalistici patrimonio Unesco. Una partecipazione che ha dato modo di avviare un’intensa e proficua rete di contatti tra le due città, andando a rafforzare i rapporti esistenti tra il capoluogo umbro e la Cina.

Agli eventi per il Capodanno cinese parteciperanno anche studenti e rappresentanti delle principali realtà culturali della città, dal Conservatorio di Musica F. Morlacchi all’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci, all’Università per Stranieri.

Molte anche le iniziative che, nel corso dell’anno, si prevede di realizzare per favorire le relazioni dei due paesi, con il coinvolgimento delle scuole di arti marziali, gli istituti superiori, le associazioni e i due atenei.


Condividi su:


Aggiungi un commento