Inaugurate le "Pietre della memoria" per ricordare i deportati tifernati - Tuttoggi

Inaugurate le “Pietre della memoria” per ricordare i deportati tifernati

Redazione

Inaugurate le “Pietre della memoria” per ricordare i deportati tifernati

Gio, 26/08/2021 - 14:52

Condividi su:


Sono 30 le installazioni disseminate per tutto il Comune di Città di Castello, stamattina la cerimonia simbolica in tre luoghi del centro storico

Le drammatiche pagine di vita scritte da civili e militari deportati in Germania nella Seconda Guerra Mondiale, insieme all’esempio di amore e dedizione per il prossimo di monsignor Beniamino Schivo, da oggi (26 agosto) parleranno della tragedia del conflitto bellico e dell’Olocausto alle coscienze di tifernati e turisti che visiteranno la città.

Per espressa volontà del Consiglio comunale di Città di Castello, con l’inaugurazione delle “Pietre della memoria”, avvenuta stamattina, saranno ricordati persone e fatti indissolubilmente legati alla storia della città, come simboli di libertà, democrazia, solidarietà.

L’obiettivo è di impedire che atrocità come quelle vissute nella Seconda Guerra Mondiale si possano ancora ripetere, stimolando la riflessione di quanti si troveranno a percorrere i giardini del Cassero, le vicinanze della Biblioteca comunale Carducci e dell’oratorio don Bosco in via San Girolamo, dove sono state collocate le installazioni che portano a 30 i luoghi della memoria disseminati nel Comune.

Una giornata importantissima nel segno di una iniziativa doverosa, che grazie alla volontà unanime del Consiglio comunale rende finalmente il giusto riconoscimento pubblico ai nostri concittadini deportati in Germania all’epoca della guerra e all’esperienza dell’ospedale di emergenza che venne aperto da don Beniamino Schivo per assistere malati e feriti nel drammatico periodo del passaggio del fronte”, ha commentato il presidente dell’Istituto di Storia Politica e Sociale Venanzio Gabriotti Alvaro Tacchini, nel corso della cerimonia in tre tappe di fronte alle “Pietre della memoria”.

All’iniziativa pubblica hanno preso parte i familiari dei tifernati a cui sono dedicate le targhe commemorative, il sindaco con il vescovo Domenico Cancian, amministratori e consiglieri comunali, esponenti delle associazioni che rappresentano le vittime di tutte le guerre e gli ideali della resistenza e autorità militari cittadine.

La parola “presente”, pronunciata alla declamazione di ognuno dei nomi stampati sulle targhe, ha commosso e unito tutti i partecipanti, ridando quasi una presenza fisica a persone scomparse da tanti anni, vittime dei rastrellamenti che i militari tedeschi effettuarono nel 1944 e dei successivi internamenti nei lager. Costretti al lavoro forzato, morirono nei campi di concentramento o dopo il ritorno in patria per le conseguenze delle sofferenze patite nel periodo di detenzione.

La pietra della memoria collocata ai giardini del Cassero, insieme alla targa commemorativa, ricorderà d’ora in poi il sacrificio di 34 militari tifernati: Ruggero Bagnini; Gino Balicchi; Pasquale Battisti; Enrico Bellucci; Renato Besi; Luigi Bianconi; Remo Coltrioli; Aldo Falcinelli; Lazzaro Forti; Giovanni Festucci; Giuseppe Gineprini; Gettulio Giornelli; Ubaldo Giornelli; Antonio Grasselli; Brunetto Gualtieri; Amedeo Guerrucci; Corrado Landi; Orlando Marinelli; Nello Marzi; Cesare Meoni; Luigi Meozzi; Giuseppe Monaldi; Alfredo Nestri; Luigi Paoloni; Ubaldo Paolucci; Pietro Pasqui; Pierino Peccioloni; Pietro Petrani; Carlo Rossi; Pietro Rossi; Plinio Rossi; Aurelio Segapeli; Ferdinando Tibulli; Antonio Zangarelli.

Presso l’ingresso della Biblioteca comunale Carducci, in piazza del Marchese Paolo, saranno commemorati 6 civili: Angiolo Bruschi, Cesare Falleri; Ivreo Giuseppini; Armando Polpettini; Angelo Stocchi; Primo Tacchini.

All’oratorio don Bosco in via san Girolamo sarà invece ricordata l’esperienza dell’ospedale di emergenza allestito nel 1944 dopo lo sfollamento della popolazione di Città di Castello imposto dai militari tedeschi, che rimase operativo fino alla liberazione della città. Con essa sarà messa in rilievo la figura di monsignor Beniamino Schivo, che da direttore del seminario vescovile fu promotore dell’allestimento della struttura di accoglienza, nella quale lavorarono cinque suore delle Piccole Ancelle del Sacro Cuore.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!