INAUGURATA LA MOSTRA DELLA COOPERATIVA IL CERCHIO. PHOTOGALLERY - Tuttoggi

INAUGURATA LA MOSTRA DELLA COOPERATIVA IL CERCHIO. PHOTOGALLERY

Redazione

INAUGURATA LA MOSTRA DELLA COOPERATIVA IL CERCHIO. PHOTOGALLERY

Ven, 19/10/2007 - 00:41

Condividi su:


“Conosco bene e apprezzo da sempre l'impegno civile e culturale profuso dal mondo della cooperazione a Spoleto. La lotta all'esclusione sociale qui si è sempre caratterizzata per una ricerca di integrazione positiva, di scambio e non di sopportazione, di protagonismo e non di assistenzialismo. Mi colpisce ora il progetto espositivo che si realizza nei nostri locali del complesso di S. Nicolò. Nella presentazione della mostra si dice: ‘Potrebbe essere che esprimersi sia un'avventura verso l'ignoto”. Ogni esperienza in fondo lo è: esprimersi nelle forme dell' arte è senz'altro la più grande delle avventure e chi ha attraversato deserti di sofferenza ha scavato ancora più profondamente dentro di sé. Talvolta estraendo da sé pietre preziose”. Solo queste le parole con cui l'assessore Flamini, a nome dell'amministrazione comunale, saluta la mostra “Mondi sconosciuti, mondi di sconosciuti, mondi disconosciuti” attraverso il depliant realizzato per pubblicizzarla.L'esposizione, organizzata dalla cooperativa Il Cerchio, è stata inaugurata nel pomeriggio al primo piano del Chiostro di San Nicolò e resterà aperta fino al 30 ottobre ogni giorno dalle 9 alle 13 e dalle 15.30 alle 18.30.In mostra, oltre a venti xilografie di Massimiliano Mirabella, le opere d'arte dei ragazzi dei centri diurni di Spoleto e Giano dell'Umbria gestiti dalla cooperativa per conto della Asl 3: dipinti (su carta e su tela), lavori intagliati, cocci colorati, lane tessute a formare quadri…All'inaugurazione gli autori dei quadri, con le loro famiglie e i responsabili della cooperativa Il Cerchio, capitanati dalla presidente Serenella Banconi, orgogliosa di questa nuova iniziativa, e dal vice Giorgio Raffaelli, responsabile del giornalino settimanale “Non solo fra di noi”.

Sara Fratepietro

Di seguito la presentazione della mostra “Mondi sconosciuti, mondi di sconosciuti, mondi disconosciuti” ad opera di Claudio Stella (professore del liceo classico Frezzi di Foligno)

Potrebbe succedere

che esprimersi sia

un'avventura verso l'ignoto.

A volte il gesto

di uno sconosciuto

può spezzare muri di silenzio,

può illuminare

mondi che non immaginavamo,

che sentivamo estranei

e lontani:

talora,

ciò che chiamiamo diverso è,

semplicemente,

ciò che non sappiamo

e non vogliamo conoscere.

Ogni volta che qualcuno di noi,

piccoli uomini

gettati nel tempo,

crea qualcosa con il suo ingegno

e la sua fantasia,

è come se avesse appreso

il linguaggio

delle stelle e del vento,

degli alberi e dei monti

che svettano verso il cielo.

È come se in noi risuonasse l'eco

di tutti gli antichi dolori

e delle antiche speranze

che da sempre accompagnano il nostro cammino nella storia.


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!