Inaugura il 6 dicembre la mostra "Presenze artistiche in Umbria. I grandi Maestri attivi tra il ʼ300 e il ʼ500 e la Galleria di Carta" - Tuttoggi

Inaugura il 6 dicembre la mostra “Presenze artistiche in Umbria. I grandi Maestri attivi tra il ʼ300 e il ʼ500 e la Galleria di Carta”

Redazione

Inaugura il 6 dicembre la mostra “Presenze artistiche in Umbria. I grandi Maestri attivi tra il ʼ300 e il ʼ500 e la Galleria di Carta”

Una collaborazione di Fondazione Carit e Galleria Nazionale dell'Umbria
Dom, 25/11/2018 - 10:11

Condividi su:


La Fondazione Carit inaugura giovedì 6 dicembre 2018 alle ore 11 presso il salone delle feste de Il Circolo il Drago di Terni, in via L. Silvestri, la mostra Presenze artistiche in Umbria. I grandi Maestri attivi tra il ʼ300 e il ʼ500 e la Galleria di Carta.

La mostra nasce in collaborazione con la Galleria Nazionale dell’Umbria con un duplice obiettivo: celebrare la presenza in Umbria meridionale di personalità artistiche di spicco nell’ampio panorama dell’epoca (XIV-XVI secolo) che hanno lavorato a servizio di importanti committenze nobiliari e apostoliche; partecipare alla ricorrenza del centenario della Galleria Nazionale, il Museo per “eccellenza” di tutta l’Umbria, con l’esposizione delle carte in deposito presso la Galleria stessa.

Due quindi le sezioni della mostra. Una sezione dedicata alla presenza in Umbria di artisti attivi tra il XIV e il XVI secolo per riaccendere un focus, a distanza di alcuni anni dalla rassegna dedicata a Piermatteo d’Amelia, sui maestri locali che hanno operato sul solco tracciato dai grandi autori di chiara fama nazionale. Accanto alle tavole del Maestro del Dossale di Cesi del 1308, del Maestro di Narni del 1409, del Maestro della Dormitio e di Benozzo Gozzoli, sono presenti in mostra anche opere de Il Perugino e Il Pintoricchio.

Un’altra sezione della mostra è, invece, dedicata alle opere in carta conservate nei depositi della Galleria Nazionale dell’Umbria. Un nutrito gruppo di disegni, pastelli, acquerelli, stampe e bozzetti di varie epoche licenziate da artisti di rilievo, quali Baptiste Wicar, Federico Barocci e lo stesso Perugino. Si tratta di opere normalmente sottratte alla pubblica fruizione per ragioni conservative o per motivi di spazio, che in questa rassegna sono proposte al visitatore per essere finalmente ammirate e studiate dai critici d’arte.

TERNI- palazzo Montani Leoni, ingresso in via L. Silvestri. La mostra Presenze artistiche in Umbria sarà visitabile dal 7 dicembre 2018 al 24 febbraio 2019 tutti i venerdì, sabato e domenica dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00. Per informazioni 0744/421330 e segreteria@fondazionecarit.it.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!