Immigrazione: rimpatriato "Rau". Per lui 16 condanne ed il convolgimento nell'operazione "Termopili" - Tuttoggi.info

Immigrazione: rimpatriato “Rau”. Per lui 16 condanne ed il convolgimento nell'operazione “Termopili”

Redazione

Immigrazione: rimpatriato “Rau”. Per lui 16 condanne ed il convolgimento nell'operazione “Termopili”

Mer, 13/02/2013 - 11:44

Condividi su:


Uno degli obiettivi prioritari indicati dal Questore Nicolò D’Angelo al Dirigente dell’Ufficio Immigrazione, Commissario Capo Claudio Giugliano, è l'espulsione effettiva dei clandestini detenuti.
Per tale finalità gli agenti della Terza Sezione – Espulsioni, si rapportano quotidianamente con i colleghi della Polizia Penitenziaria con i quali, in virtù di uno sperimentato protocollo operativo, interagiscono per assicurare che i clandestini in uscita dal carcere in uscita siano Espulsi dal Territorio Nazionale e, dove possibile, anche effettivamente accompagnati alla Frontiera o trasferiti in un C.I.E.
Anche oggi sono tangibili i frutti di questa articolata attività: stanotte è stato rimpatriato in Marocco R. H, del ’83, soprannominato “RAU”, scarcerato ieri mattina da Capanne per fine pena.
Lo straniero, arrivato da clandestino 14 anni fa a Perugia, ha sinora collezionato, con tre diverse generalità, 16 arresti e molteplici denunce in stato di libertà; le forze di polizia in questi anni più volte lo hanno sorpreso mentre rubava, tre volte mentre spacciava, anche nell’ambito della nota indagine “TERMOPILI 2” della Squadra Mobile; è stato anche arrestato e condannato per il tentato omicidio di un tunisino che ha gravemente ferito con una coltellata al collo .
A Capanne è arrivato nel novembre 2010 quando i Carabinieri lo hanno rintracciato subito dopo che aveva rapinato con un coltello un passante per strada.
Mentre scontava la pena per tale reato e per le pene residue di altre quattro condanne precedenti, gli Agenti dell’Ufficio Immigrazione hanno proceduto alla sua identificazione tramite le autorità consolari Marocchine.
Per cui quando ieri “RAU” è uscito dal carcere il suo rimpatrio era già tutto pianificato: due agenti lo hanno atteso fuori dal carcere e lo hanno condotto in Questura, dove gli è stato notificato un provvedimento di Espulsione.
Subito dopo è stato condotto presso il Giudice di Pace che, nella apposita udienza, ha convalidato il provvedimento di espulsione .
Quindi altri due agenti lo hanno condotto in Aeroporto a Roma – Fiumicino dove, grazie al “passaporto provvisorio” ed al biglietto aereo già pronti da qualche giorno, è stato imbarcato su un volo per Casablanca.
Ad attenderlo sull’aereo i suoi compagni di viaggio, due agenti della Direzione Centrale della Polizia delle Frontiere, specializzati nelle scorte internazionali, che lo hanno scortato fino in Marocco , dove è stato consegnato a quelle autorità di polizia.

Riproduzione riservata

ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_perugia

    L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


      trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

      "Innovare
      è inventare il domani
      con quello che abbiamo oggi"

      Grazie per il tuo interesse.
      A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!