Imbrattata la statua di Niccolò l’Alunno a Porta Romana

Imbrattata la statua di Niccolò l’Alunno a Porta Romana

Graffiti sul basamento di marmo | Alcuni simboli sono gli stessi già trovati nelle taverne oggetto di raid

share

Nuovamente deturpata la statua di Niccolò di Liberatore detto l’Alunno, uno dei simboli per eccellenza della città di Foligno.

Qualche mese fa aveva ‘perso’ per la seconda volta il suo pennello, dopo la riconsegna ufficiale del 20 settembre 2014 con tanto di presenza del sindaco. A novembre scorso, il Lions Club di Foligno si offrì di rifinanziare il restauro della statua che campeggia a Porta Romana, ma proprio in questi giorni dai vandali hanno volutamente preso di mira il monumento.


Dopo lo sfregio, verrà restaurata e ripulita la statua di Niccolò l’Alunno a Porta Romana


Se infatti, le ‘perdite’ del pennello sono stati fatti ‘accidentali’ dovuti alla tradizione di festeggiare vittorie calcistiche o quintanare, arrampicandosi sino ‘in braccio all’Alunno’ questa volta si tratta senza ombra di dubbio di un atto vandalico o forse sarebbe meglio dire idiota.

Al di là delle sconcerie e persino dell’uso quantomeno discutibile dell’italiano, si ritrovano le sigle A.C.A.B. ed il volto alieno che sono comparse più volte in alcuni muri cittadini e persino – in alcuni casi – in dei raid teppistici commessi ai danni di locali utilizzati come taverne dai rioni della Quintana.

I graffiti si trovano nel lato meno visibile del basamento marmoreo, ma di certo non passano inosservati.

L’unica consolazione sta nel fatto che l’intervento del Lions Club folignate non prevede il solo rifacimento e ricollocamento del pennello, ma anche un vero e proprio maquillage completo, per il quale si dovrà attendere il via libera dagli uffici comunali e della Soprintendenza. Un’opera che si dovrebbe chiudere entro la stagione estiva.

A questo punto però, come più volte richiesto, sarebbe necessario prevedere anche un apposito sistema di videosorveglianza che possa scongiurare futuri danneggiamenti, più o meno volontari.

share

Commenti

Stampa