Il piccolo Alessio ha ‘ritrovato’ i tutori per le gambe, ora si torna in riabilitazione

Il piccolo Alessio ha ‘ritrovato’ i tutori per le gambe, ora si torna in riabilitazione

Consegna a tempo record da parte della Usl | Lettera aperta della madre al ladro che trafugò il borsone

share

Un ‘regalo di Natale’ o forse sarebbe meglio dire, una brutta storia, ma almeno a lieto fine.E’ la storia di Alessio, il bambino folignate al quale qualche ladro aveva rubato i tutori delle gambe, dall’auto della mamma.


Rubati-i-tutori-di-un-bimbo-di-due-anni-senza-non-puo-camminare


I tutori non sono stati ritrovati, nonostante la grande mobilitazione delle forze dell’ordine, di tante brave persone e gli appelli al buon cuore dei malviventi, ma Alessio li ha comunque ritrovati grazie all’impegno della UslUmbria2.

Si parla spesso di ‘malasanità’ di ‘tempi lunghi’ di ‘burocrazia lumaca’ ebbene, questa volta il ‘miracolo di Natale’ è stato propria la risposta concreta e rapida delle istituzioni preposte.

Gli uffici sanitari hanno già consegnato i nuovi tutori alla famiglia, ed ora Alessio può ricominciare la sua fisioterapia, per la gioia anche di mamma Francesca e papà Andrea.

I genitori – lo ricordiamo – lanciarono un appello tramite Facebook, poi ripreso dalla stampa locale sino ad arrivare all’attenzione dei media nazionali.

I tutori, essendo realizzati su misura, non possono essere rivenduti e comunque è apparso chiaro sin da subito come il furto fosse stato un grossolano errore di valutazione.

In tanti si erano anche proposti di avviare una raccolta fondi, ma a farsi carico delle protesi è il sistema sanitario, l’unica preoccupazione era legata ai tempi d’attesa, ma questa volta – come detto – tutto ha subito un’accelerazione.

La mamma del piccolo Alessio aveva anche rivolto un’attenzione al ladro, scrivendogli una ‘lettera aperta’ tramite Facebook.

“Mi dispiace, siamo sulla stessa barca, noi viviamo una disabilità, evidentemente tu vivi un grande disagio. Se possibile, fatti aiutare da qualcuno. Non è vero che il mondo è brutto, sporco e cattivo, dipende solo con quali occhi lo guardi. Chiedi aiuto e ti sarà dato. Io avevo scritto il post sperando che tutta la situazione si chiudesse il giorno dopo, non pensavamo che avrebbe avuto un tale eco”.

Tutto è bene quel finisce bene, e tanti auguri al piccolo Alessio che ha subito troppo presto la ‘cattiveria’ di certa gente, ma che ha ricevuto anche tanta solidarietà di così tante brave persone. Ad un bambino così piccolo, una così grande lezione di vita.

share

Commenti

Stampa