IL MUSICOLOGO LUCA ZOPPELLI A SPOLETO OSPITE DE L'ORFEO ENSEMBLE - Tuttoggi.info

IL MUSICOLOGO LUCA ZOPPELLI A SPOLETO OSPITE DE L'ORFEO ENSEMBLE

Redazione

IL MUSICOLOGO LUCA ZOPPELLI A SPOLETO OSPITE DE L'ORFEO ENSEMBLE

Ven, 19/02/2010 - 11:15

Condividi su:


Sabato 20 Febbraio, dalle ore 15,30 alle ore 19,30 (presso l’Hotel San Carlo Borromeo), il musicologo LUCA ZOPPELLI, docente nell’Università di Fribourg (Svizzera), terrà un Seminario musicologico (di larga divulgazione) di 4 ore complessive intitolato: Opere senza libretti? La «Literaturoper» nell’Europa della fin de siècle (1860-1915). L’appuntamento (con frequenza gratuita) è organizzato dalla dottoressa Gioia Filocamo, e fa parte del “Programma 2010” delle attività artistiche curate da “L’Orfeo Ensemble” di Spoleto realizzate con il contributo della Fondazione Antonini di Spoleto. A tutti gli allievi che ne faranno richiesta verrà rilasciato un regolare attestato di frequenza.

CONTENUTO DEL SEMINARIO.

Dall’epoca della sua invenzione, fra Cinque e Seicento, l’opera in musica sceglie come fonti, di preferenza, testi teatrali o temi letterari preesistenti: sottoposti, però, ad una rielaborazione radicale, che li riduce dapprima a ‘libretti’ musicabili. Il compito di questo ‘interfaccia’ è, evidentemente, di adattare la fonte alle esigenze del genere: pratiche, drammaturgiche, formali, metriche. Occorre attendere la seconda metà del XIX secolo per trovare le prime opere composte direttamente su un testo teatrale preesistente – magari scorciato, ma essenzialmente rispettato nell’impianto e nella lettera del testo. Questo procedimento prende abitualmente il nome di Literaturoper, e presuppone profondi cambiamenti nella funzione sociale e intellettuale del genere operistico, nella sua drammaturgia, nelle tecniche di composizione musicale. Molti capolavori del teatro musicale degli ultimi 150 anni (da Boris Godunov a Wozzeck, da Pelléas et Mélisande a Salome, da Lulu al Sogno d’una notte di mezz’estate, da Elektra a La voix humaine) sono definibili come Literaturopern. In Italia, saranno soprattutto i drammi di d’Annunzio a suscitare questo tipo di messe in musica (Fedra, Francesca da Rimini). Tuttavia, il procedimento solleva degli interrogativi essenziali sul ruolo della musica, delle sue strutture, del sovrappiù di «senso» che essa apporta rispett! o ad un testo teatrale che è già, di per sé, autonomo e compiuto. Non a caso, la Literaturoper è rimasta una forma minoritaria, anche nel Novecento; e molti sono gli esempi ambigui del suo trattamento. Questo fenomeno ‘estremo’ mette in luce meglio di ogni altro la complessità e la ricchezza del rapporto che lega il testo verbale e scenico alla sua messa in musica.

LUCA ZOPPELLI.

Formatosi all’Università di Venezia «Ca’ Foscari», Luca Zoppelli ha insegnato la storia della musica nei conservatori di Padova e Vicenza e nell’Università di Lecce: dal 2000 è professore ordinario di Musicologia presso l’Università di Fribourg (Svizzera). Autore de L’opera come racconto (Venezia 1994), si è occupato di estetica musicale dell’età barocca (rapporti fra musica e retorica, poetica del sublime), di storia e teoria dell’opera (particolarmente in una prospettiva comparatista e narratologica), di analisi del processo compositivo (Donizetti, Verdi) di ermeneutica della musica strumentale; ha prodotto le edizioni critiche de La sonnambula (Bellini; in collaborazione con Alessandro Roccatagliati) e Maria di Rohan (Donizetti). Condirettore dell’Edizione Critica delle Opere di Vincenzo Bellini (Ricordi, Milano), fa parte dei comitati di redazione delle riviste «Il Saggiatore musicale» (Bologna), «Recercare» (Roma), «Schweizer Jahrbuch für Musikwissenschaft» (Berna) e del comitato direttivo della Società Svizzera di Musicologia.

Informazioni ulteriori e orari degli incontri sono consultabili alla pagina WEB ufficiale de “L’Orfeo” (www.orfeoweb.com): sezione SEMINARIO.


Condividi su:


ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_spoleto

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!