IL CEIS IN DUOMO, IL VESCOVO: BASTA A QUESTA CITTA' CHE SI METTE DIETRO LE FINESTRE PER CONTEMPLARE I GUAI ALTRUI! - Tuttoggi.info

IL CEIS IN DUOMO, IL VESCOVO: BASTA A QUESTA CITTA' CHE SI METTE DIETRO LE FINESTRE PER CONTEMPLARE I GUAI ALTRUI!

Redazione

IL CEIS IN DUOMO, IL VESCOVO: BASTA A QUESTA CITTA' CHE SI METTE DIETRO LE FINESTRE PER CONTEMPLARE I GUAI ALTRUI!

Dom, 11/11/2007 - 23:50

Condividi su:


Il ricordo di don Guerrino Rota, scomparso 18 anni fa, è ancora vivo nella sua opera più importante, il centro di solidarietà. E operatori, ospiti ed ex ospiti del Ceis hanno reso omaggio in diocesi a don Guerrino con una messa presieduta dall'arcivescovo Riccardo Fontana e concelebrata da monsignor Eugenio Batoli, presidente del centro di solidarietà.Giovani e giovanissimi principalmente tra i banchi della cattedrale, chi ospite della struttura, chi invece lo è stato in passato.

Il vescovo si è rivolto a tutti con parole forti, non risparmiando un appello alle autorità ed ai politici presenti (dai parlamentari Ronconi e Benedetti Valentini ai consiglieri regionali Urbani e Cintioli e l'assessore alle politiche sociali Albertella) perché il Ceis continui a vivere. “Gli enti pubblici non pagano – ha detto il presule nel corso dell'omelia – e allora i soldi per andare avanti il Ceis dove li deve trovare? Nel libro dei sogni?”

Ma l'appello è stato rivolto soprattutto agli spoletini “comuni”: “Basta con questa città che si mette dietro le gelosie delle finestre per contemplare i guai altrui”. “Ci siamo illusi per troppi anni – ha detto poi monsignor Fontana – nella cultura dell'effimero; ci siamo abituati a non prendere distanza dalla cultura della trasgressione. Ma non è vero che chi più ne fa ha ragione!”L'arcivescovo ha parlato dei tormenti del tempo presente, come gli interessi di chi spaccia la droga o di chi trae profitto dal gioco d'azzardo, che arrivano addosso ai ragazzi dell'Umbria. Ha sottolineato che il vero tema da riproporre con forza è la questione educativa.

“Quali maestri hanno avuto i nostri figli? – ha detto – E' questo che ci si deve chiedere e non perché i giovani si smarriscono. Non basta dire la scuola e la politica potrebbero fare, dovrebbero fare. La società civile dov'è? Anche oggi – ha proseguito – nel nostro territorio la polvere bianca gira tra troppa gente, anche tra quelli che fanno del perbenismo in piazza. Spoletini miei, torniamo a chiedere la pietà del Signore”.

“Trent'anni fa – ha affermato poi il pastore della chiesa di Spoleto – Norcia – il nostro prete (don Guerrino Rota, ndr) riuscì a risvegliare una città ed a convincerla che la solidarietà è possibile. L'eredità di don Guerrino è un tesoro da raccogliere ed ha incidenza sul quotidiano, non solo nei sogni”. “Spoleto è chiamata a raccogliere la carità – ha concluso – perché il sogno collettivo prenda le ali e come un gabbiano (il simbolo del centro di solidarietà, ndr) seguiti a volare”.


Condividi su:


ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_spoleto

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!