Gubbio, Primo consiglio comunale / L’era Stirati è iniziata - Tuttoggi

Gubbio, Primo consiglio comunale / L’era Stirati è iniziata

Davide Baccarini

Gubbio, Primo consiglio comunale / L’era Stirati è iniziata

La ricetta dell’emozionato “Professore”, “Innovazione e gioco di squadra” / Ecco tutti i volti di chi governerà la città dei Ceri
Gio, 26/06/2014 - 18:42

Condividi su:


Gubbio, Primo consiglio comunale / L’era Stirati è iniziata

Era il 24 maggio 2013. L’ultimo consiglio comunale della città, convocato dall’allora sindaco Guerrini, venne sciolto perché non fu raggiunto il numero minimo di membri presenti. Dopo l’inevitabile “interregno” del commissario D’Alessandro, nel pomeriggio di oggi (giovedì 26 giugno) la nuova amministrazione della città dei Ceri è tornata a riunirsi nell’assise cittadina, sostenuta anche da un grande seguito di pubblico.

Determinazione ed emozione – Filippo Maria Stirati, il nuovo sindaco di Gubbio, ha ribadito come la sala consiliare debba tornare ad essere il “luogo più nobile” della città e come il consiglio, di conseguenza, debba riproporsi come “il momento istituzionalmente più elevato”, dove tutti gli eugubini possano riconoscersi. Al momento del giuramento che ha aperto ufficialmente i lavori consiliari, il primo cittadino ha tradito un’emozione particolare, interrotta prima dalla sua voce tremante e poi da uno scrosciante applauso dei presenti. Il consiglio comunale è stato approvato all’unanimità.

Il ricordo di Chiocci – Stirati, dopo l’insediamento, ha voluto ricordare la figura del professor Gianfrancesco Chiocci, “figura estremamente significativa per la vita eugubina”, venuto a mancare nel maggio scorso. Anche Francesco Gagliardi si è unito al ricordo dell’ex consigliere, “un santantoniano eternamente innamorato della sua città”, del quale ha deciso di occupare lo scranno e donare un omaggio floreale alla vedova. E’ seguito un minuto di silenzio.

Gli obiettivi e le speranze del “Professore” – Il professor Stirati ha infine ricordato il suo sforzo per introdurre “elementi di innovazione”, soprattutto nella sua giunta. “L’obiettivo – ha proseguito il primo cittadino – sarà lavorare facendo squadra, superare le separatezze e concepire il lavoro amministrativo in maniera corale. Auguro un sincero in bocca al lupo ai miei assessori: dal loro successo dipenderà anche il mio e quello della città. Mai concepiremo il nostro lavoro in maniera chiusa o autoreferenziale. Da parte della maggioranza ci sarà sempre la massima apertura nei confronti delle minoranze, al fine di garantire un confronto serio e costruttivo pur nel rispetto delle parti”.

Il presidente del consiglio comunale – Giuseppe Biancarelli è il nuovo presidente del consiglio comunale dell’amministrazione Stirati. Grazie ai 18 voti del secondo turno di votazione Biancarelli siederà sullo scranno centrale della sala consiliare. Il neo presidente ha “affidato” la sua nuova carica “nelle mani di Sant’Ubaldo”. Sono stati invece eletti vicepresidenti, rispettivamente di maggioranza e minoranza, Mattia Martinelli e Virna Venerucci.

I membri del consiglio comunale – Questa la composizione del Consiglio comunale eugubino che governerà la città per i prossimi cinque anni:

Giunta

Filippo Mario Stirati, sindaco con deleghe relative all’Urbanistica, alla Rigenerazione urbana, al Paesaggio e al Centro storico

Rita Cecchetti, vicesindaco con deleghe alle Politiche sociali, Promozione della salute, Politiche educative e del Diritto allo studio, Pari opportunità e Edilizia socio residenziale (social housing).

Giordano Mancini, assessore al Bilancio, Patrimonio, Politiche manutentive, energetiche ed infrastrutturali.

Lorenzo Rughi, assessore alla Programmazione sviluppo economico locale, Fondi europei, Turismo, Marketing territoriale, Artigianto, Commercio, Agricoltura, Settore agroalimentare e tutto ciò che concerne le politiche dell’innovazione per il lavoro e l’impresa.

Augusto Ancillotti, assessore alla Cultura, Beni culturali, Sistema museale, Valorizzazione e promozione del patrimonio antropologico folklorico, archeologico, storico e artistico, di Formazione e rapporti con l’università e la ricerca, delle Sinergie territoriali e delle Relazioni con le istutuzioni nazionali ed internazionali.

Alessia Tasso, assessore all’Ambiente, Ciclo dei rifiuti, Mobilità, Smart city, Decoro urbano, Tutela e valorizzazione e recupero del patrimonio architettonico.

Lorena Anastasi, assessore alle Risorse umane e organizzazione, Informatizzazione, Agenda digitale, Semplificazione amministrativa e Accesso ai servizi comunali, Trasparenza, Politiche giovanili, Associazionismo.

Francesco Pierotti assessore l’assessorato della Partecipazione territoriale, Gemellaggi, Pratica sportiva, Gestione promozione dei servizi e degli impianti sportivi, di Istruzione e edilizia scolastica e di Sicurezza urbana.

Consiglieri comunali:

Per la lista “Liberi e democratici”: Lepri Gabriele, Cacciamani Aldo, Menicheti Giovanni, Biancarelli Giuseppe, Piergentili Valerio, Zebi Moreno, Biraschi Paola, Bellucci Letizia, Pompei Mirko, Cambiotti Annabella.

Scelgo Gubbio”: Martinelli Mattia, Faramelli Giacomo, Bazzurri Alessio.

Partito Socialista Italiano”: Ceccarelli Massimo.

Sinistra, Ecologia e Libertà”: Ceccarelli Stefano.

Partito Democratico” – “Impegno per Gubbio” – “Popolari per Gubbio”: Palazzari Ennio.

Partito Democratico”: Venerucci Virna, Cardile Marco, Barilari Luca.

Movimento 5 stelle”: Rughi Rodolfo, Salciarini Mauro, Mariucci Sara (assente giustificata).

Rifondazione Comunista” – “Gubbio Libera”: Lupini Pavilio.

Svolta Comune” – “Forza Italia”: Gagliardi Francesco.

Aggiungi un commento