Grillini, applauso per neo consigliere Placidi, la ‘lezione’ di Parente – Foto - Tuttoggi

Grillini, applauso per neo consigliere Placidi, la ‘lezione’ di Parente – Foto

Redazione

Grillini, applauso per neo consigliere Placidi, la ‘lezione’ di Parente – Foto

Ven, 23/09/2011 - 11:56

Condividi su:


Grillini, applauso per neo consigliere Placidi, la ‘lezione’ di Parente – Foto

(Car. Cer.) – Il consiglio comunale di Spoleto ha approvato ieri la nomina a consigliere di Davide Placidi, il secondo degli eletti della Lista “Spoleto a 5 stelle”, il movimento fondato da Beppe Grillo. E’ stata la presidente Patrizia Cristofori a dare l’annuncio terminato con un lungo applauso che ha salutato l’ingresso di Placidi sugli scranni. 28 anni il prossimo 26 ottobre (anche se sul suo profilo facebook non ha indicato l’anno di nascita), una laurea in scienze politiche, precario part-time del Festival dei Due Mondi, Placidi è fra i fondatori del movimento spoletino che due anni orsono riuscì a conquistare un seggio.
La lezione di Parente – va a sostituire l’avvocato Carmelo Parente che lunedì scorso ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica per non meglio precisati “motivi personali e professionali”. Il noto professionista, difensore fra gli altri dei goliardi della Rivista, è partito proprio oggi per gli States (la sua fidanzata è americana) dove si tratterrà per 3 mesi anche per seguire uno stage. “E’ stata una scelta sofferta” ha detto Parente che ha preso la decisione condivisa con tutti gli esponenti del Movimento. “Come sempre avviene da noi” ha aggiunto. Il suo ‘gesto’ ha provocato non poco stupore e imbarazzo fra i colleghi dell’Assemblea, specie quelli più attaccati alla poltrona. Chi mai rinuncerebbe alla poltrona per una assenza tutto sommato così breve? Non certo le ‘cozze’, come Grillo definisce certi politici del Bel Paese da sempre attaccati allo scranno. “Tre mesi sono pochi, è vero, ma anche troppi se si è innamorati della nostra città, i cui problemi non possono esser certi messi da parte per periodo simile. Davvero troppo, non me la sono sentita, sarebbe stato tradire il nostro elettorato” ci dice con la voce rotta dall’emozione.
La ‘toccatina’ – il discorso di commiato di Parente (a breve disponibile sul sito del comune) è stato molto breve ma di grande impatto. Poche, pochissime parole seguite però da una quarantina di nomi e cognomi che l’avvocato ha voluto ricordare: quelli di tutti i compagni di “questa avventura politica” chiamati ora a sostenere Placidi nel suo nuovo incarico. Il teatrino della politica, a quel punto, è entrato in scena, con capigruppo e consiglieri sperticati nell’elogiare il lavoro fin qui potato avanti dal loro collega. I contenuti non erano di circostanza, ma il tono di voci di molti sembravano più simile all’addio a chi se ne va per sempre. Tanto che da più parti Parente viene invitato a darsi una toccatina agli zibidei. Così, non si sa mai. Lui però non si scompone, anzi: “no, no, questi gesti qui non li faccio, che volete che sia, c'è pure chi mi è venuto a dire 'Carmelo ma sei impazzito? E se dovevi fare 4 mesi di dialisi, che facevi?'” racconta l'esponente grillino.

Il commiato – ad aprire i saluti è la Cristofori che mette in risalto “le sue alte capacità dimostrate in questi due anni”,seguita da Grifoni che evidenzia “l’onesta intellettuale” che ha contraddistinto l’attività di Parente mentre Loretoni gli fa gli auguri e dichiara di “accettare l’invito a raggiungerti in America”. Alleori, fra uno scazzocchio e l’altro, mette in luce “il valore umano e l’amicizia che mi lega a Parente”; ma è Bernelli a superarsi: “Parente ha dimostrato di avere un grande amore per questa città, prima che consigliere è stato un amico….saluto anche l’amico di sempre, il consigliere Daniele Placidi”. Talmente amici da aver dimenticato che il neo eletto si chiama Davide! A mostrar una voce ‘sicura’ è stato il capogruppo del Pd Marco Trippetti: “a nome del Gruppo saluto Carmelo che ringrazio per avermi e averci fatto apprezzare la sua onestà intellettuale, il valore della democrazia e della rappresentatività. Grazie davvero Carmelo, ti faccio un grande in bocca al lupo sperando di rivederci presto, se non su questi banchi…” “Mi rivedrai lì” interrompe l’ormai ex consigliere indicando gli spalti destinati a pubblico. Tocca al sindaco Benedetti che ha voluto ricordare la figura del papà di Carmelo, il professor Arduino scomparso lo scorso inverno. Una figura al quale Carmelo era legatissimo e che, a causa della malattia del padre, lo aveva costretto a rimandare questo stage giuridico negli Usa. Prendono la parola anche i consiglieri Militoni, De Angelis e Cardarelli. Non da ultimo il commiato di Maurizio Hanke il cui discorso, pane al pane, vino al vino, ha suscitato qualche perplessità: “tengo anch’io a salutare il collega di cui non conosco le motivazioni legate a questa decisione. E’ vero che la classe politica è sotto accusa per certi comportamenti e che il cammino per recuperare una auspicata dignità sarà molto lungo e difficile, però questo non significa che un consigliere eletto non possa assentarsi per un periodo”. Come a dire, chi te l’ha fatto fà?
© riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!