Gite scolastiche "immerse" nel patrimonio longobardo. Progetto di "Italia Longobardorum" con Spoleto e Campello in prima linea - Tuttoggi

Gite scolastiche “immerse” nel patrimonio longobardo. Progetto di “Italia Longobardorum” con Spoleto e Campello in prima linea

Redazione

Gite scolastiche “immerse” nel patrimonio longobardo. Progetto di “Italia Longobardorum” con Spoleto e Campello in prima linea

Gio, 27/09/2012 - 15:15

Condividi su:


Jacopo Brugalossi

“I Longobardi: un patrimonio comune alle radici della nostra cultura”. Ecco il titolo del progetto didattico con cui l’Associazione Italia Langobardorum ha partecipato al bando del Ministero per i beni e le attività culturali. Ad illustrarne i dettagli in una conferenza stampa oggi a palazzo comunale c’erano l’assessore alle politiche dell’educazione e della formazione Battistina Vargiu, il sindaco di Campello sul Clitunno Paolo Pacifici e uno dei referenti spoletini dell’associazione, Giorgio Flamini.

Il progetto abbraccia tutti i territori compresi nel sito seriale “I Longobardi in Italia” (Cividale del Friuli, Brescia, Campello sul Clitunno, Spoleto, Benevento, Monte Sant’Angelo e Castelseprio-Torba), iscritto nel giugno del 2011 nella “world heritage list” dell’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità, ed ha lo scopo di diffondere la conoscenza del popolo longobardo e del suo ruolo nella formazione della cultura europea, specialmente verso le giovani generazioni che hanno il privilegio di vivere in quelle località. “Dal ministero è già arrivata la prima tranche dei finanziamenti, pari a 75mila euro”, ha assicurato l’architetto Flamini, che ha anche ricordato i termini per presentare la domanda di adesione: dal primo al 15 ottobre.

Gite scolastiche a tema – Il turismo scolastico è l’aspetto preponderante del programma. Sono stati messi a punto, anche grazie al lavoro formativo svolto con insegnanti e ragazzi – come ha sottolineato l’assessore Vargiu – 23 itinerari culturali (6 di un giorno, 8 di due e 9 di tre), rivolti alle scuole medie e superiori delle città “seriali”. Il progetto, novità assoluta del panorama scolastico nazionale, prevede dei finanziamenti in denaro alle classi che vi aderiscano, di 350, 800 o 1200 euro a seconda che il viaggio duri uno, due o tre giorni. Ogni itinerario, pur mantenendo le proprie peculiarità territoriali e culturali, è stato predisposto col fine di favorire scambi e viaggi di istruzione sia fra i luoghi inclusi nel sito seriale, sia con quelli di origine longobarda o comunque attinenti al tema. Ecco come si preparano Campello sul Clitunno e Spoleto.

Il Tempietto – Il sindaco di Campello Paolo Pacifici, pur sottolineando l’importanza di promuovere i siti seriali dell’Unesco nelle scuole attraverso l’ausilio di laboratori e viaggi didattici, non ha mancato di lanciare una frecciatina ai territori umbri, rei a suo dire di aver “capito meno di altri la grande opportunità di sviluppo che viene dall’essere iscritti ad un sito seriale patrimonio dell’umanità”. Ma è sul tema della fruibilità dei beni che il primo cittadino si è tolto diversi sassolini dalle scarpe. “Il Tempietto non può essere aperto solo 3 pomeriggi a settimana – ha tuonato – abbiamo già scritto più volte al ministero; visto che non vogliono concederci la proprietà almeno ci concedano la gestione. La nostra volontà sarebbe quella di tenere aperto il monumento almeno 5-6 ore al giorno, non possiamo riuscirci fin quando il Comune che amministro sarà costretto a pagare gli straordinari dei dipendenti ministeriali”.

San Salvatore – Diversa la situazione a Spoleto, dove il Comune ha la proprietà della Basilica di San Salvatore, già completamente fruibile al pubblico, e dove a breve potrebbe essere inserita la presenza fissa di un custode per salvaguardare il monumento. Possibile anche che l’ingresso diventi a pagamento ma, come ha sottolineato l’architetto Flamini, il biglietto avrebbe un costo irrisorio. L’amministrazione comunale, nel frattempo, si è già attivata per mettere a disposizione delle scolaresche che aderiranno al progetto strutture alberghiere a prezzi scontati e visite gratuite a tutti i musei cittadini.

Riproduzione riservata ©

Articolo correlato:

Italy’s newest UNESCO World Heritage Site to be integrated into nationwide education program (ENG)

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!