Gasdotto, Governo in pressing sul tratto Sulmona - Foligno | Incontro a Roma nel giorno dell'anniversario del sisma - Tuttoggi

Gasdotto, Governo in pressing sul tratto Sulmona – Foligno | Incontro a Roma nel giorno dell’anniversario del sisma

Redazione

Gasdotto, Governo in pressing sul tratto Sulmona – Foligno | Incontro a Roma nel giorno dell’anniversario del sisma

Regioni, Province, Comuni (e pure enti soppressi) del centro Italia convocati dalla Presidenza del Consiglio dei ministri per il 26 ottobre | M5s sul piede di guerra
Lun, 23/10/2017 - 11:53

Condividi su:


Gasdotto, Governo in pressing sul tratto Sulmona – Foligno | Incontro a Roma nel giorno dell’anniversario del sisma

Regioni, Province, Comuni, Comunità montane, Consorzi di bonifica, Parchi nazionali e perfino il Corpo forestale dello Stato (soppresso da quasi un anno) competenti per il Centro Italia. Tutti sono stati convocati dalla Presidenza del Consiglio dei ministri per il 26 ottobre a Roma per riavviare la discussione sul gasdotto promosso da Snam rete gas nel tratto Sulmona – Foligno. Un metanodotto su cui vari enti interessati hanno già manifestato la propria contrarietà.


Gasdotto Snam dentro al sisma, tutti gli articoli


Passi la convocazione che riguarda anche alcuni enti e organismi soppressi da tempo, nel mirino è finita la data scelta per l’incontro, giovedì 26 ottobre (ore 11), dove si cercherà di riannodare i fili del percorso per portare avanti il contestatissimo progetto. Data di una drammatica ricorrenza, soprattutto per le Marche: un anno fa quel giorno avvennero le due forti scosse di terremoto che hanno distrutto la zona di Visso e Castelsantangelo sul Nera, creando gravissimi danni nella zona di Preci e Norcia, preludio del terremoto ancora più forte del 30 ottobre. Una data che Marche ed Umbria in particolare si preparano a celebrare con specifiche iniziative.

A sollevare il caso sono i consiglieri regionali del M5s dell’Umbria Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari. Pronti a dare battaglia sia sulla data scelta per l’incontro che per l’opera in sé, già avversata ufficialmente dagli enti umbri a più livelli.

Il gasdotto Snam (la cosiddetta Tap) interessa infatti il territorio della regione Umbria due dei cinque tronchi dell’opera per una lunghezza complessiva di 125 km. Il tronco Sulmona – Foligno attraversa I territori comunali di Norcia, Preci, Cascia, Foligno e Sellano, per una lunghezza complessiva di circa 44 km. Nel Comune di Foligno e precisamente nella frazione di Colfiorito è prevista la realizzazione di una stazione di “lancio e ricevimento pig”, che consentirà l’allacciamento della rete dei gasdotti regionali esistenti tra cui il metanodotto Recanati – Foligno per il quale è previsto il potenziamento. Da tale punto ha origine il tratto Foligno – Sostino che Interessa per altri 81 km la Regione Umbria ed attraversa i territori comunali di Foligno, Nocera Umbra, Gualdo Tadino, Gubbio, Pietralunga e Città di Castello. La Regione, però, ha già formalizzato la sua contrarietà al tratto Sulmona – Foligno (il diniego è stato espresso anche dalla Regione Abruzzo), mentre per quanto concerne il tratto di metanodotto Foligno – Sestino, l’iter procedurale per l’autorizzazione alla costruzione dell’opera è sospeso.

“Come gettare altri miliardi, mentre i terremotati vivono ancora nell’emergenza e mentre la ricostruzione non è mai partita, oltre un anno dopo? Come insultare ancora una volta famiglie e imprese distrutte dal sisma? Come provocare ulteriormente la natura?” si chiedono i consiglieri umbri del Movimento 5 stelle. “Non c’era tempismo peggiore – evidenziano – del convocare a Roma la Regione Umbria e altri enti proprio a un anno dai catastrofici eventi del 26 e del 30 ottobre, occorsi tra Umbria e Marche. Con due paginette di convocazione, lo Stato cerca l’intesa per portare avanti questo assurdo progetto di mega-gasdotto, da realizzare in mezzo a faglie più che attive, con pericoli evidenti per comunità locali già ampiamente sconvolte dalla forza della natura. Sull’argomento il Movimento 5 Stelle è già reiteratamente intervenuto a livello nazionale e nelle diverse Regioni, inclusa la nostra, con tutti i propri portavoce eletti.  L’Assemblea legislativa dell’Umbria si è già espressa due volte contro l’ipotesi appenninica nella scorsa legislatura. Evidentemente ancora non basta”.

“Alcuni giorni or sono – raccontano Liberati e Carbonari – abbiamo pure richiesto, come Gruppo in Regione e con lettera ufficiale, se la Giunta Marini intenda presentarsi all’incontro e per dire cosa, vista la totale contrarietà già unanimemente espressa da una pluralità di soggetti anche molto diversi tra loro, nonché dallo stesso nostro Ente con una specifica delibera -DGR 1005/2016- : non ci sono condizioni per intesa alcuna!”. I penta stellati annunciano quindi: “Siamo pronti a difenderci, avviando anche in Umbria una straordinaria vertenza collettiva contro chi intende attentare al nostro stesso diritto alla vita. E martedì 24 ottobre chiederemo nuovamente all’Aula una parola chiara e definitiva, presentando una mozione urgente: al riguardo siamo tutti chiamati alla massima unità e responsabilità”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!