Furia contro i carabinieri, li aggredisce a calci e gli danneggia auto | Arrestato - Tuttoggi

Furia contro i carabinieri, li aggredisce a calci e gli danneggia auto | Arrestato

Redazione

Furia contro i carabinieri, li aggredisce a calci e gli danneggia auto | Arrestato

Sab, 19/02/2022 - 14:31

Condividi su:


L'uomo aveva dato in escandescenze e infastidito i clienti di un locale a Monterchi | Bloccato a fatica dai militari è stato portato in ospedale, era sotto l'effetto di un mix di alcol e droga

Notte a dir poco movimentata per i carabinieri di Sansepolcro (Ar), intervenuti in un locale a Monterchi (a pochi km da Citerna), dove hanno tentato di calmare un cittadino tunisino che aveva dato in escandescenze e infastidito i clienti.

Purtroppo l’intervento della pattuglia non ha sortito l’effetto sperato: l’uomo, infatti, alla vista delle uniformi, si è agitato ancora di più rifiutando qualsiasi mediazione. Pur di sottrarsi al controllo ha violentemente spintonato i militari intervenuti, arrivando a sferrare violenti calci, ferendoli lievemente, e costringendo questi a bloccarlo per evitare conseguenze più gravi. Con non poche difficoltà le forze dell’ordine sono poi riuscite ad ammanettarlo, farlo salire in auto e allontanarsi dal locale.

Nel percorso verso la caserma di via del Prucino, però, come impazzito, l’esagitato ha continuato a dimenarsi violentemente cercando in tutti i modi di liberarsi. Si sarebbe perfino sdraiato sul sedile posteriore dell’auto di servizio, continuando a sferrare calci e riuscendo addirittura a sfondare il vetro e piegare il montante dello sportello, danneggiandolo gravemente.

I carabinieri, a quel punto, si sono visti costretti a fermarsi in strada, nel buio della notte, cercando ancora una volta di calmare lo straniero ormai fuori di sé. E’ stato chiesto anche l’ausilio di un’ambulanza con personale medico, che ha ben pensato di somministrare calmanti per riuscire a trasportare l’uomo in ospedale e capire il motivo di tanta agitazione.

L’esito degli esami, quasi scontato, ha rivelato che l’uomo era sotto l’effetto di un mix di sostanze stupefacenti ed alcol. La perquisizione personale ha inoltre consentito di trovargli adosso circa 6 grammi di cocaina. Trattenuto in un primo tempo nelle camere di sicurezza della caserma di Sansepolcro il tunisino è stato poi tradotto nel carcere di Firenze in attesa delle decisioni della Procura della Repubblica di Arezzo.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!