Fonici, trascrittori e stenotipisti forensi protestano davanti al tribunale di Perugia - Tuttoggi.info

Fonici, trascrittori e stenotipisti forensi protestano davanti al tribunale di Perugia

Redazione

Fonici, trascrittori e stenotipisti forensi protestano davanti al tribunale di Perugia

Mar, 27/02/2024 - 17:07

Condividi su:


Volantinaggio con presidio davanti al Tribunale di Perugia, per dar voce alla protesta di fonici, trascrittori e stenotipisti forensi

Il loro è un lavoro molto delicato, perché ha a che fare con la giustizia e da esso possono dipendere le sorti delle persone indagate e imputate in processi di ogni sorta. Parliamo degli addetti e delle addette ai servizi di documentazione degli atti processuali impiegati al ministero della Giustizia. Circa 1500 fonici, trascrittori e stenotipisti (una decina in Umbria), che sono da anni impiegati in condizioni di lavoro precarie e inadeguate alla delicatezza del servizio prestato con competenza e professionalità.

Oggi, martedì 27 febbraio, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti hanno dato vita a un volantinaggio con presidio davanti al Tribunale di Perugia, per dare ancora voce alla loro protesta, raccogliendo anche la solidarietà da parte di avvocati e magistrati.

 “Io lavoro nel sistema giustizia dal 1996, senza interruzioni – ha raccontato Cristina Boccioli, una delle lavoratrici in appalto intervenute al presidio – e ogni giorno entro alle 9.00 in Tribunale, quando cominciano le udienze, senza sapere a che ora finirò. Ho lavorato con qualsiasi tipo di contratto, i più disparati, a seconda delle ditte che via via hanno vinto le appalto. Dal 2017 lavoro per un consorzio che applica il contratto del multiservizi, ma prima ho lavorato con co.co.co., contratti a progetto, con il Ccnl delle scuole laiche e persino con quello dei metalmeccanici. Il tratto comune – ha concluso la lavoratrice – è una costante condizione di precarietà”. 

“Quello che chiediamo con forza al ministero della Giustizia è l’internalizzazione di queste lavoratrici e lavoratori che da anni operano nel sistema Giustizia – hanno detto i rappresentanti sindacali, Vasco Cajarelli (Filcams Cgil), Francesco Bartocci (Fisascat Cisl) e Giulia Valentini Albanelli (Uiltrasporti) – soprattutto in questa fase di riorganizzazione tecnologica, dopo la legge Cartabia, che li espone ancora a maggiori rischi. C’è un confronto aperto con il ministro Nordio e ci aspettiamo in tempi stretti una soluzione positiva a questa vertenza, altrimenti – hanno concluso i sindacati – dopo lo sciopero dello scorso gennaio, saremo costretti a mettere in campo nuove iniziative di mobilitazione”.

ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_perugia

    L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


      trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

      "Innovare
      è inventare il domani
      con quello che abbiamo oggi"

      Grazie per il tuo interesse.
      A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!