Fondazioni Casse di Risparmio Umbria, presentato a Norcia il “Bando di Idee”

Fondazioni Casse di Risparmio Umbria, presentato a Norcia il “Bando di Idee”

Il sindaco Alemanno, “Grazie per le attenzioni che avete per il nostro territorio”

share

La Consulta delle Fondazioni delle Casse di Risparmio dell’Umbria ha presentato al Centro Polivalente  ‘Norcia 4.0’  a Norcia il ‘Bando di Idee’, che porta in dote ben 450 mila euro da investire in Valnerina e in particolare rivolto alla ripartenza del territorio. Presenti all’incontro Amministratori locali, Sindaci ma anche chiunque fosse interessato a partecipare al bando.

Ad aprire l’incontro il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto, Sergio Zinni che rimarca come l’operato delle Fondazioni sia a stretto contatto col territorio e quindi ne esamina ne affronta le problematiche inerenti. “La nostra attenzione è rivolta nuovamente alla Valnerina ed ai comuni del cratere – spiega Zinni – per favorire lo sviluppo turistico, economico e sociale, auspicando una pronta ripartenza”.

A portare i saluti il Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno che ricorda come sia stato importante il contributo in particolare della Consulta delle Fondazioni, per far ripartire la nostra Comunità. “Abbiamo fondato i pilastri della ripartenza su scuola e lavoro e la Consulta delle Fondazioni ci ha dato una grande mano permettendo ai nostri ragazzi di poter tornare subito a scuola” dice Alemanno che sottolinea come “la scelta più semplice era lasciare il territorio dopo il 30 ottobre, ma noi avevamo già delle strutture sicure dove per mandare a scuola i nostri figli e quindi le famiglie hanno potuto raccogliere l’appello dei ragazzi a non andare via, per rimanere qui dove sono nati”. Gli obiettivi da perseguire per concorrere al ‘Bando di Idee’ sono: la conservazione del patrimonio artistico, attraverso azioni innovative e l’utilizzo di nuove tecnologie; la valorizzazione e promozione patrimonio storico artistico e ambientale e lo sviluppo del turismo con attenzione  a percorsi naturalistici enogastronomico,  sportivi e culturali .

“Il territorio deve riappropriarsi della sua vocazione naturale – prosegue Alemanno – per questo stiamo elaborando un progetto che dovrà tentare di mettere a regime quanto non siamo riusciti a fare in questi anni, prendendo ciò che di positivo ci ha portato il dramma che abbiamo vissuto. Presenteremo un progetto più vasto possibile, ancora è un’idea ma che potrebbe concretizzarsi dopo che ci saremo confrontati amministratori e aziende del territorio”. l progetti, come illustrato da Giorgio Sordelli sono a “burocrazia zero, conta la realizzabilità delle idee”. Possono presentare progetti i Comuni del cratere; cooperative sociali di tipo A o B;  organizzazioni senza scopo di lucro.

Le domande dovranno pervenire entro il 31 marzo 2018 con raccomandata AR o PEC.

share

Commenti

Stampa