Flop Grifo, dubbi su Castori: è solo questione di tempo?

Flop Grifo, dubbi su Castori: è solo questione di tempo?

Massimo Sbardella

Flop Grifo, dubbi su Castori: è solo questione di tempo?

Dom, 04/09/2022 - 10:06

Condividi su:


Nelle statistiche della gara contro il Brescia tutta la filosofia del tecnico biancorosso | Le analisi del Perugia, reparto per reparto

Con un solo punto in quattro partite, il Perugia di Fabrizio Castori ha avuto un avvio da incubo in questo campionato di B. Un flop che al netto di qualche episodio sfortunato e di un calciomercato che, com’è consuetudine, consegna il Grifo definitivo nelle ultime ore, preoccupa i tifosi.

Nel mirino, oltre al presidente Santopadre, inizia a finire anche il tecnico di San Severino Marche. Accolto con rispetto dalla piazza, ritrovatasi in estate orfana di Alvini, in ragione del suo curriculum fatto di concretezza, esperienza e di risultati raggiunti anche con rose non di primo livello. Insomma, il tecnico giusto per centrare la salvezza e, magari, sperare in qualche ulteriore soddisfazione, a sorpresa.

Certo, la filosofia che il tecnico rivendica non offre un calcio spettacolo. Ma tanto agonismo e concretezza, quello sì. Caratteristiche che sono mancate al Perugia delle prime giornate, distratto in difesa (per errori dei singoli, ma anche di reparto), con un centrocampo molle e con un attacco sterile (due sole reti all’attivo), che non ha saputo capitalizzare i numerosi palloni calciati nell’area.

Le statistiche di Brescia

Una filosofia di gioco che è confermata anche dai numeri della gara di Brescia. Con le Rondinelle che hanno avuto il 63% del possesso palla, con 350 passaggi effettuati (contro i 152 dei Grifoni). Ma nei tiri totali le due squadre si sono equivalse: 18 (di cui 6 in porta) per i padroni di casa e 16 (di cui 4 in porta) per gli umbri. “Inutile il possesso palla se poi non tiri” aveva ribadito Castori al suo arrivo a Perugia, ribadendo la sua concezione del calcio. La differenza, però, la fanno le occasioni avversarie sventate e le proprie concretizzate

La difesa

E’ il reparto che più sta deludendo, con 7 reti subite in quattro partite. E dire che negli uomini è la difesa dello scorso anno, anche se privata di uno dei migliori portieri della B, Chichizola, sostituito da Gori. Il portiere, arrivato in prestito dalla Juventus, finora non ha entusiasmato, nonostante il rigore parato a Brescia. E’ vero che nei gol subiti spesso si è ritrovato davanti l’attaccante avversario da solo. Ma non sono piaciuti i palloni che ha lasciato vagare pericolosamente dalle sue parti. Vulikic ha deluso nelle volte in cui è stato impiegato.

Il resto del reparto, poi, paga il cambio di modulo. Che ha portato – complice anche il mancato filtro del centrocampo – a subire i rapidi contropiedi degli avversari con troppa facilità. Ma i difensori biancorossi si trovano spesso in difficoltà anche nell’uno contro uno.

Il centrocampo

Il centrocampo è il reparto che più è cambiato. Fine prestiti e mancati rinnovi hanno portato a smantellare quello dello scorso anno, che sull’asse Burrai-Segre e con il dinamismo di Kouan (deluso dal mancato approdo in A) aveva consentito al Perugia di nono subire mai gli avversari.

Castori non ha avuto tempo di trovare la quadra. Bartolomei è arrivato solo poche ore prima la gara contro il Brescia. Iannoni si è subito infortunato. Luperini, al di là della rete al Rigamonti, ha mostrato qualità, anche se deve trovare l’intesa con i compagni. A sinistra, Castori ha sperimentato Dell’Orco, togliendo però qualità alla difesa. A Brescia ha fatto esordire Paz, un ragazzino che ha qualità, ma non ancora la mentalità da titolare in una competizione così tosta. Il ritorno di Beghetto (e comunque la presenza di Lisi) appaiono tuttavia una garanzia.

A destra Casasola riesce spesso a mettere palloni in area, come gli chiede il tecnico. Meno utile, finora, nella fase di copertura.

Gli interrogativi maggiori, finora, riguardano Vulic. L’uomo che dovrebbe dettare i ritmi di gioco del Grifo. E che invece, a parte i palloni calciati su corner e punizioni che possono trasformarsi in assist per i compagni, è apparso finora lento e con poca fantasia.

L’attacco

In avanti Castori può addirittura contare su sei attaccanti. Un’abbondanza che i suoi predecessori in genere non avevano. Dei sei, però, solo uno ha i numeri da vero bomber: Samuel Di Carmine, che con il Grifo detiene il record di gol segnati in B. Anche se viene da stagioni in cui, complice la mancata conferma in A, non è stato molto impiegato. I tifosi del Grifo confidano nel doppio riscatto: per lui e per la causa biancorossa.

Quanto agli altri, Strizzolo è abile nel gioco aereo, come dimostrato in occasione della rete siglata al Bari. Melchiorri, con la sua qualità, può aprire spazi per i compagni. Sempre che ci siano poi gli inserimenti dei centrocampisti, però. Di Serio, dopo la rete siglata in Coppa Italia a Cagliari, è sembrato avere un’involuzione, nonostante sia stato fatto subentrare con continuità dal tecnico. Olivieri, dopo la mezza stagione tutto sommato buona dello scorso anno, pur senza fare sfaceli, sta combinando poco. Corsa, generosità, ma anche un’aggressività eccessiva e poca lucidità nelle scelte finali. Tanto da finire già nel mirino di parte della tifoseria. E poi c’è Matos, la cui qualità in B dovrebbe fare la differenza, ma che a Perugia, complice anche una precaria condizione fisica, ha fatto vedere solo a tratti le sue caratteristiche.

Castori chiede “tempo”

Castori è consapevole del momento. Chiede tempo ai tifosi. Per consentire ai ragazzi di integrarsi e di assimilare la sua filosofia di gioco. Che è fatta di corsa e palloni messi in area. Gioco che richiede intensità agonistica, tenuta atletica e una buona dose di cinismo sottoporta. Caratteristiche che al momento i Grifoni non hanno mostrato. E già si parla – presto, considerando anche che il calciomercato si è appena concluso – di possibili cambi in panchina.

Il campionato di B è lungo, conta arrivare bene alla fine. Ma sabato arriva al Curi l’Ascoli e poi si va a Terni per il derby.

ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community

    L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


      trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

      "Innovare
      è inventare il domani
      con quello che abbiamo oggi"

      Grazie per il tuo interesse.
      A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!