File e assembramenti alle Poste: dopo Narni il caso Amelia

File e assembramenti alle Poste: dopo Narni il caso di Amelia | Paparelli annuncia interrogazione

Redazione

File e assembramenti alle Poste: dopo Narni il caso di Amelia | Paparelli annuncia interrogazione

Sab, 19/12/2020 - 11:07

Condividi su:


File e assembramenti alle Poste: dopo Narni il caso di Amelia | Paparelli annuncia interrogazione

File e assembramenti alle Poste. L’accesso ai servizi degli uffici postali diventa sempre più complicato. Dopo le segnalazioni di Narni, in cui il sindaco De Rebotti aveva parlato di anziani costretti a fare la coda fuori a causa della drastica riduzione di giorni di apertura, ecco la nuova segnalazione ad Amelia.

Assembramenti ad Amelia

A segnalare il caso è il consigliere regionale dem Fabio Paparelli che ha annunciato un’interrogazione alla giunta per chiedere la convocazione di un tavolo con i vertici di Poste Italiane, per evitare assembramenti e superare i disagi, come quelli subiti dai cittadini di Porchiano di Amelia.

File e assembramenti alle Poste: Paparelli annuncia interrogazione

L’esempio della piccola frazione di Porchiano – spiega – cinquecento abitanti per la stragrande maggioranza anziani, è emblematico, in quanto potendo attualmente usufruire dei servizi postali solo per un giorno e mezzo a settimana, i cittadini sono costretti a mettersi in fila già dalle 6,30 e la maggior parte di loro deve passare l’intera mattinata davanti ai locali di Poste Italiane, creando involontariamente assembramenti di almeno 20 persone”.

“Serve interlocuzione con Poste Italiane”

Considerando che a Porchiano, così come in altre piccole realtà umbre, non esistono altri servizi finanziari o di altra natura – prosegue Paparelli gli abitanti sono, di fatto, costretti a rivolgersi agli uffici di Poste Italiane per assolvere anche a tutte le necessità legate alla gestione dei propri risparmi, dei pagamenti e della normale economia domestica”. “Per questo – conclude – riteniamo doveroso che si avvii nuovamente un’interlocuzione tra Regione, Anci e Poste Italiane, così come fu fatto in passato dalle Giunte di centrosinistra già a partire dal 2015, al fine di scongiurare ulteriori chiusure o riduzione di servizi e, al contrario, ripristinare nuove aperture indispensabili ad assicurare questi servizi essenziali, specie per la popolazione più anziana, oltre che a preservare maggiormente la sicurezza dei cittadini in questo periodo di emergenza sanitaria”. 

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!