Festa della Traslazione, una veglia al posto della processione | Programma - Tuttoggi

Festa della Traslazione, una veglia al posto della processione | Programma

Redazione

Festa della Traslazione, una veglia al posto della processione | Programma

Gio, 09/09/2021 - 20:02

Condividi su:


Per la sera del 10 settembre il vescovo ha preferito un momento di raccoglimento “statico” nell’emiciclo ai piedi della basilica al posto del tradizionale pellegrinaggio, per il rispetto delle norme anti Covid

Nel prossimo fine settimana, sabato 11 settembre, torna la Festa della Traslazione di sant’Ubaldo, una delle ricorrenze più amate dagli eugubini, che a fine estate si ritrovano sulla cima del ‘colle eletto’ per rinnovare la devozione al loro patrono e protettore.

La festa della Traslazione di sant’Ubaldo – ha detto il vescovo Luciano Paolucci Bedinici ricorda che come popolo, unito e solidale, siamo invitati ad alzare lo sguardo verso l’alto e a rianimare la speranza, con l’aiuto del nostro grande santo patrono”.

La tradizionale giornata di solennità ricorda la traslazione del patrono eugubino, il cui corpo incorrotto – l’11 settembre del 1194 – fu trasportato dalla cattedrale alla cima del monte Ingino, nell’antica pieve dedicata a san Gervasio, dove ora sorge la basilica dedicata al santo.

Per la preparazione alla festa, il 60° successore del vescovo Ubaldo propone in questi giorni un itinerario che prevede tre giorni di esercizi spirituali al popolo – sul tema “Non sprecate parole” – e una veglia di preghiera la sera del 10 settembre.

È stato proprio mons. Paolucci Bedini a preferire un momento di raccoglimento “statico” nell’emiciclo ai piedi della basilica, rispetto al pellegrinaggio che – dalla cattedrale dei santi Mariano e Giacomo – potesse raggiungere il santuario ubaldiano, come accaduto lo scorso anno. Una processione suggestiva ed emozionante, con i bagliori delle luminarie e le soste nelle tre cappelline lungo gli stradoni, senz’altro da ripetere quando saranno cessate le preoccupazioni per l’emergenza sanitaria, prorogata fino al 31 dicembre 2021.

Una decisione, quella di sostituire la processione con la veglia, presa proprio dopo l’esperienza 2020 – resta infatti difficile garantire l’effettivo distanziamento e piena sicurezza – e per usare quest’anno il massimo della cautela possibile e ogni precauzione per evitare di favorire una ripresa dei contagi. L’11 settembre le celebrazioni sono fissate alle ore 7-8-9-10-11 e quella pomeridiana alle 17, presieduta da mons. Luciano Paolucci Bedini.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!